9.6 C
Comune di Bari
domenica 11 Aprile 2021
Home Apertura Covid in Puglia, Emiliano sui social: “Nessuno studente è obbligato ad andare...

Covid in Puglia, Emiliano sui social: “Nessuno studente è obbligato ad andare a scuola”. Ed è polemica

Da leggere

“Nessuno studente di ogni ordine e grado è obbligato ad andare a scuola. Tutti sono in didattica integrata da casa, come da ordinanza che ho firmato”. Così, nella serata di ieri su Facebook, il governatore pugliese Michele Emiliano. L’ordinanza dispone la DID fino al 15 gennaio e prevede per elementari e medie la possibilità di richiedere la presenza. Le famiglie, sottolinea Emiliano, dovranno “responsabilmente farne richiesta formale al dirigente scolastico” che dovrà decidere. “Auspico fortemente – aggiunge – una prudente valutazione di tale ultima circostanza”.

Sulla presenza alle elementari e alle medie, infatti, non c’è “nessun automatismo”, precisa Emiliano. “Per il primo ciclo le famiglie che per loro ragioni intendono comunque fare frequentare in presenza i loro figli a scuola – spiega – devono responsabilmente farne richiesta esplicita e formale al dirigente scolastico. Richiesta che verrà valutata da quest’ultimo sulla base dei criteri della alleanza scuola famiglia”.

“Possono andare a scuola in presenza – prosegue Emiliano – solo gli studenti con bisogni didattici speciali e chi deve fare laboratorio, secondo la valutazione autonoma delle scuole, ma non sono obbligati. La scuola per l’infanzia, per la quale non c’è obbligo di presenza – conclude – funziona solo in presenza”.

Il post, inevitabilmente, ha innescato la reazione di molti genitori e addetti ai lavori. In prima linea, nel criticare l’operato di Emiliano, c’è la sezione pugliese del comitato Priorità alla scuola. “Caro presidente – scrivono dal comitato tra i commenti – dalla sua ordinanza non c’è alcuna “valutazione dei motivi” per il rientro in presenza. Se deve fare informazione la faccia bene, altrimenti la segnaleremo a Facebook per divulgazione di fake news e farà la fine di Trump. Legga prima di firmare e informi correttamente il popolo pugliese. Tutto il resto, non necessita neanche di commento”.

Il comitato, a livello nazionale, nella giornata di oggi ha anche indetto una mobilitazione: la richiesta alle istituzioni è quella dell’apertura di tutte le scuole in presenza e in sicurezza. Il comitato poi chiede lo screening sanitario completo della comunità scolastica – docenti, personale Ata e studenti – e l’inserimento come categoria prioritaria del personale scolastico ad alto rischio nella fase 1 dell’agenda vaccinale.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche