14.5 C
Comune di Bari
martedì 20 Aprile 2021
Home Apertura Vaccino anti Covid, Pfizer ritarda ancora consegne. Arcuri: “Pronti a tutelare gli...

Vaccino anti Covid, Pfizer ritarda ancora consegne. Arcuri: “Pronti a tutelare gli italiani in ogni sede”

Da leggere

La prossima settimana “non solo non verranno consegnate in Italia le dosi che sono state unilateralmente e senza preavviso non consegnate in questa settimana, pari al 29%, ma ci sarà una pur lieve ulteriore riduzione delle consegne”. Lo ha spiegato il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri alle Regioni nel corso del vertice di ieri, sottolineando che la comunicazione della Pfizer è arrivata in queste ore e confermando le azioni legali contro l’azienda.

“La campagna vaccinale non può essere rallentata – ha spiegato poi Arcuri -, tantomeno per le somministrazioni delle seconde dosi ai tanti italiani a cui è stata già somministrata la prima”. Ma lo scambio di comunicazioni con Pfizer, che è andato avanti durante tutta la giornata di ieri, “non ha sortito gli effetti che auspicavamo”, ha detto Arcuri. Tanto che l’azienda ha annunciato le ulteriori riduzioni.

Di qui la decisione di procedere con le azioni legali per tutelare gli italiani “in tutte le sedi, civili e penali, in cui ciò sarà possibile. Si è unanimemente deciso – conclude Arcuri – che tali azioni verranno intraprese a partire dai prossimi giorni in un quadro unitario”.

Arcuri sta valutando di presentare un esposto alla procura per “impatto sulla salute per inadempimento del contratto pubblico” nei confronti di Pfizer e una diffida all’azienda con ipotesi di danni per il rallentamento del piano dei vaccini. Arcuri ha anche sottolineato che spetta all’Ue promuovere l’azione legale e che il foro competente è quello di Bruxelles. In ogni caso, l’Italia chiederà che sia la Commissione Ue a promuovere un’azione civile a tutela del nostro paese.

Gli impegni contrattuali sottoscritti da Pfizer, ha spiegato Arcuri, prevedono che l’Italia riceva entro il 31 marzo 8.635.154 dosi, come indicato nel primo ordine, e una quota delle 6.642.991 dosi indicate nell’ordine aggiuntivo. Al momento, ha detto ancora Arcuri, Pfizer dovrebbe consegnare all’Italia entro il 15 febbraio 3.885.570 dosi, “pari al 45% dell’ordine iniziale e ad una percentuale sensibilmente inferiore considerato quello aggiuntivo”. Sempre che vengano rispettati gli impegni presi, cosa “mai accaduta dell’inizio dell’esecuzione del contratto”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!