13.2 C
Comune di Bari
venerdì 23 Aprile 2021
Home Attualità Molfetta, nel Pulo un idoletto in pietra del Neolitico: "Donna legata al...

Molfetta, nel Pulo un idoletto in pietra del Neolitico: “Donna legata al culto della fecondità”

Da leggere

Un secondo idoletto neolitico è stato rinvenuto all’interno del Pulo di Molfetta, dopo quello scoperto la scorsa estate. Durante un sopralluogo nella cavità carsica, un team di archeologi ha trovato una piccola scultura, grande quanto una monetina da due centesimi. Adesso è custodita nel Palazzo Simi a Bari, che ospita il Centro operativo per l’archeologia, sede distaccata della Soprintendenza per i Beni archeologici della Puglia.

“Come il primo idoletto ritrovato recentemente al Pulo – spiega Anna Maria Tunzi, responsabile per la tutela archeologica presso la Soprintendenza – la datazione è collocabile attorno al V millennio a.C.. La scultura è stata ottenuta dalla lavorazione di un ciottolo calcareo circolare sul quale sono stati riprodotti tratti antropomorfi. Come si evince dalla capigliatura, probabilmente rappresenta un soggetto femminile legato al culto della fecondità, tipico del periodo neolitico”.

“In attesa della riapertura del Pulo in zona gialla – dichiara il sindaco di Molfetta Tommaso Minervini – continuano a emergere meraviglie dal terreno del nostro sito neolitico. Come si è visto, solo mettendolo in sicurezza è stato possibile fare emergere tesori che riscriveranno la storia della città. Per questa ultima scoperta devo ringraziare nuovamente gli archeologi Nicola de Pinto e Alessia Amato. Finanzieremo ulteriori lavori per altri scavi e riporteremo da Bari i due idoletti con l’obiettivo di allestire un grande museo archeologico del Pulo”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!