13.7 C
Comune di Bari
domenica 17 Ottobre 2021
Home Attualità Revenge porn e stalking, a Bari 17 accessi in un mese allo...

Revenge porn e stalking, a Bari 17 accessi in un mese allo sportello di ascolto

Notizie da leggere

Segnalazioni di episodi di revenge porn e stalking, mamme preoccupate per la circolazione di immagini dei propri figli online, casi di diffamazione via social. A 28 giorni dall’avvio dello spazio d’ascolto e orientamento legale rivolto alle vittime di revenge porn e sexting, sono 17 le richieste di supporto pervenute agli operatori del nuovo servizio, frutto dell’accordo siglato tra l’assessorato comunale al Welfare del Comune di Bari e l’associazione Gens Nova.

Nel dettaglio, a contattare gli operatori dall’avvio dello sportello gratuito sono stati 3 uomini e 14 donne, tra cui anche docenti che hanno segnalato casi relativi a studentesse e una donna che ha denunciato il furto di immagini pubblicate sui social. Due uomini, per esempio, hanno richiesto consulenze sui comportamenti da adottare dopo la separazione con immagini delle ex partner in loro possesso.

L’equipe del progetto, composta da avvocati e psicologi dell’associazione Gens Nova in rete con l’assessorato, è al lavoro per individuare, per ciascun caso, le azioni più efficaci da intraprendere a tutela delle vittime, con il supporto della Polizia postale e dei servizi territoriali.

Lo sportello è attivo presso la sede dell’associazione Gens Nova (via Davanzati 25 a Bari) ed è disponibile un numero telefonico (340.5600875) raggiungibile tutti i giorni, anche festivi, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, al quale un volontario fornisce risposte immediate o fissa un incontro tra la vittima e un avvocato e uno psicologo.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche