29.3 C
Comune di Bari
martedì 3 Agosto 2021
Home Attualità BPPB, Althea e PayDo a supporto del settore medicale nell’emergenza Covid: ecco...

BPPB, Althea e PayDo a supporto del settore medicale nell’emergenza Covid: ecco la ‘lettera di credito digitale’

Notizie da leggere

Banca Popolare di Puglia e Basilicata – banca solida e radicata sul territorio che ha fatto dell’innovazione uno strumento chiave di rafforzamento del legame con la propria clientela – il gruppo Althea  – leader paneuropeo nei servizi integrati di ingegneria clinica destinati alle strutture sanitarie, pubbliche e private – e PayDo – fintech italiana che sviluppa soluzioni di pagamento digitali – hanno siglato un accordo finalizzato alla sperimentazione della cosiddetta ‘lettera di credito digitale’ quale strumento cashless di pagamento che garantirà – contemporaneamente al fornitore ed al cliente – il rispetto reciproco degli impegni contrattuali assunti.

L’intervento di BPPB assicurerà ad Althea la disponibilità a rilasciare, in modo rapido ed efficiente, impegni di pagamento inderogabili al fornitore a seguito della corretta esecuzione della prestazione contrattuale. Ciò avverrà attraverso la piattaforma Plick di PayDo, la quale consentirà la digitalizzazione e lo snellimento del processo end-to-end, arricchendo l’offerta di prodotti innovativi a servizio delle corporate. Obiettivo di Althea è utilizzare questo strumento in modo esteso per gestire in tempi rapidi – come richiesto dal contesto di emergenza sanitaria – e a costi minori le proprie forniture, supportando al contempo la propria supply chain e accedendo a nuovi canali di fornitura in modo sicuro.

“L’accordo con BPPB e PayDo dimostra che la cooperazione sinergica tra soggetti corporate-banca-fintech consente di innovare nell’interesse della comunità in questo momento sfidante e complesso di emergenza sanitaria – commenta Enrica Mambelli, Chief Financial Officer di Althea Group -. Ci rende orgogliosi aver contribuito ancora una volta allo sviluppo del servizio in modo sicuro ed efficiente, supportando anche la nostra filiera di approvvigionamento con una soluzione concreta e responsabile”.

“Abbiamo colto volentieri l’idea nata da Althea Group e PayDo, accettando con entusiasmo di avviare questa fase sperimentale che servirà ad arricchire il perimetro di soluzioni innovative a cui stiamo lavorando, convinti di poter contribuire non solo alla pronta realizzazione di soluzioni innovative per far fronte anche all’emergenza Covid – aggiunge Vittorio Sorge, vicedirettore generale BPPB – ma anche ad accelerare il processo di trasformazione digitale delle aziende, valorizzando al contempo Plick come strumento di pagamento efficiente e flessibile”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche