24.4 C
Comune di Bari
sabato 12 Giugno 2021
Home Attualità Covid, Lopalco guarda al futuro: "La pace con il virus sarà siglata...

Covid, Lopalco guarda al futuro: “La pace con il virus sarà siglata presto”

Notizie da leggere

“Dopo un’ulteriore ondata pandemica, cosa dobbiamo aspettarci? Si tratta di una tregua o possiamo pensare ad un trattato di pace duratura?”. L’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, cerca di dare una risposta definitiva a una domanda che si pongono tanti italiani.
“Dimentichiamoci di eradicarlo – spiega subito Lopalco -. L’obiettivo di ogni strategia sanitaria dovrà essere dunque di progressiva mitigazione. Dobbiamo cioè facilitare il processo che renda il virus endemico. Cosa vuol dire endemia? Prima della pandemia da COVID19 le polmoniti interstiziali esistevano, eccome. I virus che causano polmoniti appartengono a diversi generi: rinovirus, adenovirus, virus respiratorio sinciziale, metapneumovirus, virus parainfluenzali e, udite udite, il 2% dei virus identificati in polmoniti degli adulti sono coronavirus umani. Gli stessi che causano nel 99% dei casi un comune raffreddore”.
“La popolazione umana – prosegue l’epidemiologo – progressivamente acquisisce l’immunità verso il nuovo virus. In passato questo fenomeno avveniva esclusivamente in via naturale. Oggi abbiamo i vaccini che accelereranno il processo. Vaccinando tutta la popolazione a rischio di malattia grave, infatti, il virus continuerà a circolare ad intensità sempre più bassa fra i bambini e gli adolescenti che, arrivati all’età adulta, avranno già acquisito un’immunità naturale nei confronti della malattia grave. I soggetti fragili, che nonostante l’immunità naturale potranno comunque sviluppare malattia, continueranno ad essere vaccinati. E se incontreranno il virus, l’infezione per un vaccinato funzionerà nel 95% dei casi da booster naturale senza sviluppare malattia severa”.
“Ecco la pace duratura con SARS-CoV-2 che immagino sarà siglata molto presto. La vaccinazione di massa – conclude – velocizzerà il passaggio alla situazione di endemia. Il virus continuerà a circolare a bassa intensità e nessuno (o quasi) si farà più male”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche