25.2 C
Comune di Bari
sabato 12 Giugno 2021
Home Apertura Covid, Lopalco: "Variante indiana? Il vaccino copre dalla malattia grave"

Covid, Lopalco: “Variante indiana? Il vaccino copre dalla malattia grave”

Notizie da leggere

“Anche se la copertura dalla variante indiana è leggermente inferiore rispetto ad altre, il vaccino copre comunque dalla malattia grave”. A sottolinearlo è l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, intervenuto nel TG di Telebari.

La Puglia, infatti, è stata già colpita dalla variante inglese, a cavallo tra la seconda e terza ondata, e le conseguenze in termini di letalità sono state devastanti. “Purtroppo le ondate pandemiche sono così – prosegue Lopalco -. Secondo gli studi, effettivamente, la variante inglese ha presentato una letalità del 30% in più rispetto alle varianti classiche, ma comunque in linea con la media nazionale”.

Nel frattempo c’è ottimismo per il futuro, grazie alla campagna vaccinale. Un po’ di confusione, però, riguarda le somministrazioni ai cittadini che sono già stati colpiti dal Covid. “Fare una vaccinazione dopo l’infezione – continua l’assessore – rende più duratura l’immunità. La vaccinazione evita anche le ricadute a distanza. Quindi, se l’infezione è avvenuta fra i 3 e i 6 mesi di distanza, basta un’unica dose. Non è necessario il ciclo completo. Al contrario, se sono passati più di 6 mesi da quando si è stati colpiti dalla malattia, si possono fare le due dosi”.

Altro tema è quello della ripartenza degli ospedali, della riconversione che porterà a riprendere le attività ordinarie. A tal proposito, Lopalco specifica che “ritornare all’attività ordinaria significa anche recuperare le liste di attesa. C’erano cittadini che aspettavano prestazioni o interventi non urgenti. L’attività riprenderà a estate inoltrata. Ma per smaltire le liste bisogna aumentare la capienza delle agende, integrando maggiori ore lavorative agli operatori”.

Infine, un’ultima battuta su ciò che ci aspetta dopo l’estate e Lopalco, senza fare previsioni, conclude sottolineando che “questo virus ci ha abituati a gravi sorprese. Al momento, escluderei una nuova ondata sul sistema ospedaliero. Ma è comunque un cauto ottimismo, al quale dobbiamo aggiungere tanta prudenza”.

 


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche