23.8 C
Comune di Bari
martedì 28 Settembre 2021
Home Attualità Palese e Santo Spirito, rinasce il comitato per l'autonomia: "Vogliamo una legge...

Palese e Santo Spirito, rinasce il comitato per l’autonomia: “Vogliamo una legge regionale”

Notizie da leggere

Diventare comune autonomo, con sindaco, giunta e consiglieri. Servizi propri e gestione diretta delle risorse. Il percorso è partito con assemblee sul territorio e punta a riunire una ‘costituente’, che faccia rinascere il comitato dopo il referendum del 2010. L’obiettivo era e resta l’autonomia di Palese, Santo Spirito, Macchie, Catino, San Pio e Torricella. “Un territorio che ha superato 35mila abitanti, e dunque merita un’attenzione diversa”, spiega Vito Pantaleo, che seguendo le orme del padre Mimì (storico attivista della battaglia per l’autonomia) è diventato uno dei promotori del nascente comitato.

“Il primo comitato per l’autonomia fu promosso negli anni Novanta – ricorda Pantaleo – e il giornalista Giuseppe Palella ha scoperto che già nel 1921 l’onorevole Giuseppe Di Vagno propose di istituire un comune a sé”. Nel 2010 il referendum vinto con l’80 per cento dei consensi (consultivo e non vincolante), con la proposta di legge poi stoppata dal Consiglio regionale. Ora il comitato sta rinascendo e punta ad aggregare consensi anche attraverso il web: la storia, le motivazioni, le modalità della battaglia sono consultabili sul sito www.diventiamocomuneautonomo.it.

“È imperativo diventare una città a pieno titolo e non una periferia abbandonata e degradata – si legge sul sito – eliminare le distanze tra cittadini e amministratori, aumentare i servizi e le prospettive di sviluppo, essere cittadini legittimi e vedere i propri soldi spesi nel luogo dove si vive, curare gli aspetti principali della vita in comunità, rispettare l’ambiente trasformandolo in risorsa produttiva, avere rispetto del mare e della terra”.

Stavolta all’orizzonte non sembra esserci la richiesta di un ulteriore referendum. “Vogliamo il riconoscimento di un diritto costituzionale – è indicato tra i propositi – si comincia presentando un’istanza al Consiglio regionale per l’istituzione di una legge”. La chiamata a raccolta è rivolta ai giovani, a “tutti i benpensanti e tutti coloro i quali, scevri da preconcetti o personalismi, possono manifestare il loro proposito di autonomia, nel rispetto delle città più importanti specie se vicine, con le quali anzi si potranno stabilire accordi e gemellaggi operativi nel reciproco interesse”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

1 commento

  1. Ciao Vito carissimo sono Luigi Stufano. Ho visitato il sito e letto le notizie ti scrivo per comunicarti ancora se si terranno incontri a riguardo l'autonomia e puoi avvisarmi in tempo utile con un messaggio anche su Whats App. Io a Palese avevo affisso una locandina informando la cittadinanza del nuovo sito web creato da te. Sono sempre in attesa di un tuo messaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche