15.5 C
Comune di Bari
sabato 16 Ottobre 2021
Home Attualità Conversano, inaugurato il primo parco sportivo 'Jungle' del sud Italia: è l'Origin...

Conversano, inaugurato il primo parco sportivo ‘Jungle’ del sud Italia: è l’Origin Outdoor Experience

Notizie da leggere

Riscoprire il piacere dell’allenamento all’aperto, grazie a un parco composto da un’area fitness su una superficie di 450 metri quadri; è la nuova palestra Jungle inaugurata a Conversano, la prima del Sud Italia. Si chiama Origin Outdoor Experience, un parco attrezzato realizzato da un team di trainer e appassionati di fitness, ideatori di una start-up che si pone come obiettivo l’erogazione dei servizi alla persona.

Tra via Lenti e via Manuzzi si può fare sport insieme ad amici e familiari, divertendosi. La struttura è stata progettata per la disciplina “Jungle Up”, che riproduce l’habitat tipico della giungla, dove ognuno è messo costantemente alla prova e impara a servirsi al meglio delle proprie abilità e del proprio corpo.

L’area Jungle è stata progettata per ospitare attività di social building connettendo anche le realtà del territorio che lavorano con la disabilità fisica e psichica con le comunità per minori, con le cooperative sociali che gestiscono situazioni di dipendenza e con centri anziani. Uno spazio per rafforzare le relazioni genitori-figli, e per le scuole un percorso dedicato a studenti e docenti per attivare azioni di prevenzione e contrasto di qualsiasi forma di violenza, discriminazione e sopraffazione tra giovani che possano degenerare negli atteggiamenti tipici del bullismo.

“Al centro del progetto “Origin Wellness Experience” c’è il miglioramento della vita della persona – spiega Mirko Troviso, cofondatore di Origin Wellness Starter – che è portata naturalmente a ritrovare autostima in un luogo in cui la competizione non è mai il fine, perché ciò che conta è rompere lo schema e permettere a tutti di trovare la propria dimensione nella giungla”.

La filosofia del Jungle nasce dall’attenta osservazione della natura: ripercorrendo l’evoluzione della specie umana dalla scimmia, tornando alle origini per riscoprire le capacità perdute e recuperando quanto di primitivo è inscritto nel proprio DNA.

“Jungle non vuole essere una regressione, ma una progressione primitiva – commenta Mattia Ferri, CEO di Jungle Up e ideatore della disciplina in Italia – L’uomo contemporaneo ha bisogno di tornare a guardare il mondo dall’alto, perché osservare la società̀ staccandosi da terra gli può̀ permette di comprendere come vivere meglio”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche