16.8 C
Comune di Bari
sabato 16 Ottobre 2021
Home Attualità Gaia, l'architetto barese che diventa influencer: "Voglio svecchiare la nostra professione"

Gaia, l’architetto barese che diventa influencer: “Voglio svecchiare la nostra professione”

Notizie da leggere

Guai a definirla ‘influencer’. “Racconto semplicemente quello che c’è dietro le quinte del mio impegnativo lavoro”, sorride Gaia Miacola. Eppure con 264mila follower su Instagram e un’attivissima community che segue il suo blog, l’architetto barese è ormai una stella dei social. Suggerimenti e consigli, ma anche cinquecento mail al mese di richieste di consulenze. “Una mole di contatti da gestire non semplice, visto che faccio tutto da me e non ho un social media manager”, racconta la professionista barese, laureata al Politecnico di Bari e poi trasferita a Castellana Grotte, dove ha il suo studio.

Gaia Miacola, classe ’79 e mamma bis, è architetto dal 2004, specializzata in Interior design, Visual design e Progettazione architettonica. La sua biografia ricorda che ha affiancato per anni diversi studi nazionali e internazionali, progettando per lo più interni e residenze di pregio. “Affronto ogni progetto come un percorso, una narrazione della tua personalità e in parte anche della mia – scrive di sé – Nei miei progetti cerco di trovare un punto d’incontro tra funzionalità ed estetica. Ma mi interessa più l’anima di ogni casa, che è il mio vero punto di partenza. La casa oggi è un rifugio speciale: deve essere arredato con un gusto colto e fuori dal tempo”.

Obiettivo? “Creare interni straordinari, da amare a dismisura e in cui vivere meglio. Voglio svecchiare la figura dell’architetto un po’ datata: oggi l’interior designer professionista è un progettista di sogni”. L’avventura professionale di Gaia Miacola da un paio d’anni ha imboccato una strada inaspettata. “Tutto è cominciato col blog, concepito come un diario del mio lavoro, un racconto dei cantieri, ma senza fini commerciali o di marketing – assicura – Anche su Instagram lo spirito è lo stesso: condivido in maniera spontanea e naturale i progetti che gestisco, e la gente si appassiona anche perché provo a proporre soluzioni concrete alle domande che mi rivolgono”.

La casa, d’altronde, è un “cantiere perpetuo”: si sa quando comincia e non quando finisce. “Le domande più frequenti riguardano la combinazione cromatica, per esempio, o gli stili cui ispirarsi – spiega – Molti cercano consigli sull’organizzazione degli spazi o sul recupero di spazi funzionali, per realizzare cappottiere e scarpiere in case che ne sono prive”. Non mancano curiosità sulla domotica e sulle ultime tecnologie nell’impiantistica.

Partita dal blog e dalla ‘community dei lovers’ (un gruppo Facebook in cui postare domande e ricevere consigli), Gaia Miacola in due anni e mezzo ha conquistato oltre 264mila follower su Instagram. “Non mi piace chiamarmi influencer, io ispiro – garantisce – Non vendo, non faccio da testimonial a nessun prodotto, resto la professionista che ero, e i miei clienti sono la priorità. Solo con impegno in più, non facile da onorare: rispondere a centinaia di mail, messaggi privati, Whatsapp, senza l’aiuto di figure specifiche come un social media manager”.

La Puglia era e resta la sua casa. “Non mi sono mai trasferita a Milano, come fanno molti miei colleghi, perché penso che anche qui siamo capaci di fare tutto – sorride – Voglio vivere vicino al mare, alla mia famiglia e ai miei due figli”


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche