14 C
Comune di Bari
mercoledì 27 Ottobre 2021
Home Attualità Politecnico Bari, gli studenti tornano in presenza: un'app per prenotare il posto...

Politecnico Bari, gli studenti tornano in presenza: un’app per prenotare il posto e ingresso con Green Pass

Notizie da leggere

Gli studenti del Politecnico tornano a seguire i corsi in presenza. Dopo la prima settimana di lezioni esclusivamente online, aspiranti ingegneri, architetti e designer industriali hanno fatto ritorno in aula, con tutte le misure di sicurezza sanitaria e con nuovi strumenti tecnologici.

In classe, infatti, c’erano esclusivamente i ragazzi che avevano prenotato il posto attraverso un’apposita app messa a disposizione dal Politecnico. Il sistema informatico registra le richieste fino a raggiungere il 50% della capienza dei locali, mentre all’ingresso nelle aule gli studenti confermano la loro presenza scansionando un codice Qr con il telefonino. Tutti gli altri studenti non registrati seguono le lezioni da remoto, attraverso la piattaforma Teams.

A tutti i presenti è richiesto il possesso del Green Pass, da mostrare a richiesta degli operatori addetti al controllo, che può avvenire in qualsiasi momento della giornata all’interno del Campus. Lo stesso vale per le strutture della sede del Politecnico a Taranto. Le prenotazioni sono state, complessivamente, oltre 3.500.

Le aule sono tutte dotate di sistemi di videoregistrazione con telecamera orientabile, microfoni ambientali e maxischermo con lavagna digitale touchscreen, che consente ai docenti di interagire contemporaneamente sia con gli studenti presenti in aula, sia con quelli in remoto e condividere disegni, grafiche, dispense e qualsiasi altro materiale audio e video.

«È un momento importante per la nostra comunità – commenta il rettore del Politecnico, Francesco Cupertino – perché l’università è innanzitutto relazione, confronto, scambio di idee ed esperienze. La pandemia ha imposto nuovi modelli – osserva il rettore – ma anche quando sarà finita dovremo imparare a convivere con essi, integrando la tecnologia con i metodi tradizionali. La didattica sarà sempre più ibrida e multidisciplinare – conclude Cupertino – ma soprattutto dovrà dare più spazio all’esperienza sul campo, per formare professionisti in grado di governare i grandi cambiamenti in corso».


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche