8.2 C
Comune di Bari
sabato 4 Dicembre 2021
Home Attualità Bari, rinascono le Officine Calabrese. Il gruppo Bruno: "Apriamo in due anni,...

Bari, rinascono le Officine Calabrese. Il gruppo Bruno: “Apriamo in due anni, assumeremo tecnici”

Notizie da leggere

Sei mesi di tempo per partire con i lavori di riqualificazione del sito, un paio d’anni per ritornare a regime in attività. E un progetto dedicato alla memoria di uno dei siti industriali di Bari più cari alla città. Le (ex) officine Calabrese si preparano a vivere la loro seconda vita. Lo stabilimento è stato infatti acquistato all’asta dal gruppo Bruno, nato ad Avellino nel 1977 e ora presente con 24 stabilimenti produttivi in tutto il mondo (Italia, Germania, Gran Bretagna e Cina), con oltre mille dipendenti.

La notizia dell’asta conclusa con esito positivo è stata pubblicata da Repubblica Bari. A Telebari è Giuseppe Bruno, amministratore unico del gruppo, a raccontare i dettagli del progetto e il cronoprogramma per realizzarlo. “Un progetto industriale, non immobiliare – ci tiene subito a precisare Giuseppe Bruno, past president di Confindustria Avellino – che faccia rinascere un sito dismesso da anni: siamo determinati e fiduciosi, crediamo nel capitale umano e nelle eccellenze del sud Italia, certi di trovare su Bari ottimi colleghi e una tradizione importante”.

Il lucchetto ai cancelli delle ex Officine Calabrese è fisso ormai da anni. Migliaia di dipendenti all’apice delle attività tra gli anni Sessanta e Novanta, poi il declino con una serie di vicissitudini legate anche a cessioni di rami d’azienda, fallimenti, commesse sfumate. Il sito – circa 30 ettari lasciati al degrado ormai da tempo, come mostrano le fotografie scattate a luglio – è stato assegnato all’asta al gruppo Bruno, già presente nell’area industriale di Modugno e ora pronto a gestire il rilancio delle ex Officine. “L’idea è incrementare le nostre produzioni affini a quello che faceva lo stabilimento Calabrese – anticipa Bruno – Il sito si presta a sviluppo notevoli da un punto di vista produttivo e operativo, ha una posizione strategica”. Bruno definisce il progetto “ambizioso”. “Abbiamo i motori accesi e contiamo di rendere lo stabilimento efficiente entro un paio d’anni – assicura – Da qui a sei, sette mesi, dunque, dovrebbero partire i lavori di riqualificazione, dopo avere messo a punto i dettagli tecnici preliminari”. Certamente il gruppo aprirà le selezioni per assumere personale qualificato nell’ambito manifatturiero. Per omaggiare la storia e la tradizione delle ex Officine, Bruno ha in mente di dedicare un’iniziativa specifica alla memoria.
Il gruppo Bruno nasce ad Avellino nel ’77 da una piccola attività di ricambi agricoli. Oggi i quattro fratelli (Giuseppe, Maurizio, Ciriaco e Renato) hanno costruito – prima con la vendita di attrezzature agricole poi di trattori e mietitrebbie – un’azienda leader nel mondo agricolo, industriale e cantieristico al Sud Italia. Secondo gli ultimi dati a disposizione, il gruppo è attivo in differenti settori, tra cui la produzione di componenti per il settore automotive, con 24 stabilimenti produttivi nel mondo di cui venti in Italia, due in Germania, uno in Gran Bretagna e uno in Cina.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

error: Contenuti protetti