9.4 C
Comune di Bari
sabato 29 Gennaio 2022
HomeAperturaBari, la caduta libera dei veglioni di Capodanno: “Avevamo 800 prenotazioni. Ora...

Bari, la caduta libera dei veglioni di Capodanno: “Avevamo 800 prenotazioni. Ora sono 160”

Notizie da leggere

“Fino al 31 gennaio, inoltre, saranno chiuse le sale da ballo, le discoteche ed i locali assimilati”. Recita così una parte del cosiddetto ‘decreto festività’ approvato dal Consiglio dei Ministri nella serata di giovedì 23 dicembre. Una mazzata tra capo e collo per gli imprenditori della notte, i gestori dei locali e gli organizzatori che si sono ritrovati – da un giorno all’altro, a una settimana dall’evento – a dover gestire la delicata questione Capodanno. A confermarlo è Giuseppe, giovane titolare di una società specializzata proprio nell’organizzazione di eventi, che sceglie di rimanere anonimo “per dare forza a un grido di dolore – spiega –che altrimenti qualcuno potrebbe confondere con voglia di farsi pubblicità”.

“Per Capodanno, come sempre, eravamo orientati su due tipi di situazioni: cenone più festa e serata in discoteca – racconta -. Tutte le serate da ballo sono state cancellate, mentre i veglioni sono in fase di riconversione. Siamo alle prese con un numero inimmaginabile di disdette, però, arrivate ormai a quota 70%. In una struttura avevamo 200 cene, ce ne hanno confermate 10 e abbiamo deciso di annullare l’evento. In un’altra struttura su 600 cene ne hanno confermate 150. Quello che da sempre rappresentava il core business della nostra società, il Capodanno, si è trasformato in un test d’equilibrismo tra i tanti costi ed i miseri ricavi”.

I costi, appunto. Una voce che il decreto last minute ha lasciato invariata e che l’annullamento delle serate in discoteca e le tante disdette per i cenoni, molte dettate dalla paura, ha reso un vero e proprio problema. “La parte dei costi, soprattutto con le strutture, era già stata sostenuta – spiega Giuseppe -. La merce non la compri due o tre giorni prima dell’evento. Quella ordinata, food e beverage, comunque arriverà. Se il Governo avesse deciso per lo stop anche solo un paio di giorni prima sarebbe stato diverso. Così, invece, ci ha messo nei guai. L’obiettivo è diventato coprire le spese: organizzo eventi da 9 anni e a San Silvestro non era mai accaduto”.

Ed è proprio la decisione tardiva, in un contesto d’emergenza comunque noto, a fare infuriare maggiormente gli addetti ai lavori. “Per organizzare un Capodanno ci si muove tra gli ultimi giorni di settembre ed i primi di ottobre – prosegue l’esperto -. Ai costi relativi al cibo e alle bevande vanno aggiunti quelli di promozione online degli eventi, tramite i social. Quelli da corrispondere alle web agency che hanno ideato il materiale, anche cartaceo, per gli eventi: inviti, menù, segnaletica Covid e chi più ne ha più ne metta. Dovremo pagare le tipografie, che quel materiale lo avevano già stampato. E pensare come riutilizzare tavolini, divani e quanto già acquistato da Ikea. Abbiamo speso migliaia di euro per ogni evento. Incrociamo le dita e speriamo di recuperarli”.

Un altro problema da affrontare è quello dei rimborsi. “Rimborseremo il biglietto intero a chi impossibilitato causa Covid – conclude Giuseppe – A chi, quindi, ci fornirà il certificato di un tampone positivo. Per gli altri, valuteremo caso per caso. Stiamo cercando di capire anche come organizzare nel dettaglio il veglione. L’intrattenimento musicale è consentito, ma la Siae non ha ancora ricevuto circolari e la Federalberghi, che ha fatto interpello per capire meglio alcuni aspetti, a ieri non ha ricevuto alcuna risposta. Nello specifico, cerchiamo chiarimenti sull’emissione musicale. Musica dal vivo o dj? Non lo sa nessuno. Ciò che è certo è che non si potrà ballare”.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!