14.6 C
Comune di Bari
giovedì 22 Aprile 2021
Home Apertura In Puglia da Napoli per raggirare gli anziani: arrestati 6 truffatori. “Si...

In Puglia da Napoli per raggirare gli anziani: arrestati 6 truffatori. “Si presentavano come avvocati e carabinieri”

Da leggere

Si qualificavano come avvocati e carabinieri per commettere truffe, per lo più ai danni di persone anziane. Con queste accuse 6 persone, tutte residenti nella provincia di Napoli, sono state arrestate e messe ai domiciliari, dai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare. Per gli arrestati, quasi tutti giovanissimi e nessuno oltre i 30 anni, l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata alle truffe.

Tra gli arrestati, il 20enne Fortunato Rivieccio e Alessio Scialò, 28 anni, sono accusati di aver coordinato questa ‘attività’ con ‘telefonisti’ di base a Napoli e ‘trasfertisti’ in Puglia: in particolare a Ceglie Messapica, Latiano, Fasano, Ostuni, San Pancrazio Salentino e San Vito dei Normanni. Dieci i colpi messi a segno e 14 le tentate truffe, dall’aprile al dicembre 2019, con proventi stimati in 25mila euro. In manette sono finiti anche Emanuele Vitulli, Emanuele Limatola, Vincenzo Siano e Arnaldo Abete. Tutti di Napoli.

Sempre identiche le modalità operative: i presunti truffatori si spacciavano per carabinieri, avvocati o corrieri e inventando incidenti stradali o finte consegne di merce. Chiedevano denaro a persone anziane che, pur di aiutare figli o parenti finiti nei guai, consegnavano denaro o anche oggetti di valore. In un caso una delle vittime ha versato 12mila euro.

Secondo le indagini, le vittime venivano individuate attraverso ricerche compiute sull’elenco telefonico online, con l’utilizzo di sim “usa e getta”, dopo l’osservazione dei ‘trasfertisti’ sul territorio. Una volta scelti i soggetti più vulnerabili, veniva inscenato il raggiro.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!