16.3 C
Comune di Bari
lunedì 18 Ottobre 2021
Home Apertura Bari, sequestrati 112 chili di ‘amnesia haze’: la marijuana dagli effetti psichedelici....

Bari, sequestrati 112 chili di ‘amnesia haze’: la marijuana dagli effetti psichedelici. Tre arresti – FOTO

Notizie da leggere

Erano pronti a inondare le strade della città con 112 chili di ‘amnesia haze’: marijuana di qualità superiore, con un contenuto di THC pari al 20%, che provoca forti effetti psichedelici, diventata ormai nota nel mondo degli assuntori. A fermare i loro piani, però, ci hanno pensato i carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari. Protagonisti della vicenda sono tre uomini di 25, 30 e 41 anni – tutti baresi e già noti alle forze dell’ordine – arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e ricettazione.

Il terzetto, monitorato già da qualche tempo dai militari, aveva individuato la propria base operativa all’interno di un garage di un condominio del quartiere Carrassi. I carabinieri, dopo aver notato uno strano passaggio di borse tra un’auto e un furgone a noleggio, hanno deciso di fare irruzione.

All’interno dell’utilitaria noleggiata, quindi, i militari hanno subito trovato diverse borse con all’interno 25 confezioni in cellophane da un chilo l’una di amnesia. Nel garage sono stati trovati 5 borsoni con 40 pacchi da un chilo di marijuana. Sul furgone, in un bancale di scatole, tutte avvolte da cellophane contenenti arachidi, altri 45 chili dello stesso tipo di droga. Sulle etichette, oltre al nome di ‘amnesia haze’, le caricature di noti calciatori intenti a fumare uno spinello.

Nonostante il grande quantitativo già rinvenuto, i carabinieri hanno continuato nella loro attività di ricerca, perquisendo un altro box dove avevano notato, nei giorni precedenti, la presenza dei tre uomini. All’interno del box era stato realizzato un vero e proprio laboratorio per la pesatura e il confezionamento della marijuana: lì, oltre ad altri due chili di amnesia, i militari hanno trovato anche un Suv rubato ad agosto a Torre a Mare, uno scooter rubato e una moto. Mezzi probabilmente utilizzati per fare da apripista al momento del trasporto della merce.

La droga, che venduta al dettaglio avrebbe fruttato ai pusher circa un milione e 700mila euro, è stata sequestrata e nei prossimi giorni verrà analizzata dal laboratorio sostanze stupefacenti della Sezione Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri. I tre arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati portati in carcere, dove sono a disposizione dell’autorità giudiziaria.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche