11.6 C
Comune di Bari
sabato 10 Aprile 2021
Home Cronaca Ruvo di Puglia, spara a cinghiali del Parco e la figlia lo...

Ruvo di Puglia, spara a cinghiali del Parco e la figlia lo riprende: denunciato 45enne

Da leggere

Avrebbe ucciso cinghiali all’interno del Parco dell’Alta Murgia, dove l’attività venatoria è proibita, sparando con un fucile da caccia mentre era alla guida di un’auto, video-ripreso dalla figlia adolescente che lo incitava e che ha poi diffuso le immagini su Whatsapp. I carabinieri forestali di Ruvo di Puglia hanno denunciato il bracconiere, un 45enne di Spinazzola, per esercizio venatorio e uccisione di animali all’interno dell’area protetta. Il video, girato dall’interno di un’auto che percorreva una strada della Murgia, mostrava diversi cinghiali che, correndo all’interno di un terreno, venivano abbattuti da fucilate esplose dal guidatore. La regista del filmato, diventato subito virale sui social e trasmesso anche dalle tv regionali, è risultata essere la figlia adolescente del bracconiere, che, coinvolta nella battuta illegale di caccia, lo incitava all’inseguimento delle bestie. Nella perquisizione disposta dalla Procura di Trani dopo aver identificato il bracconiere, i militari hanno sequestrato un’arma compatibile con quella con la quale gli animali erano stati abbattuti, visibile nel video. I colleghi forestali di Altamura hanno indagato su un altro video virale nel quale si vedevano numerosi cacciatori assembrati davanti a 11 carcasse di cinghiali. Le indagini hanno permesso di accertare che il video era stato girato in un’area di pertinenza di un’azienda di Corato, dove gli animali erano stati scuoiati ed eviscerati in locali non idonei, senza comunicazione alla Asl dell’abbattimento. Per queste condotte e per la violazione delle norme anti Covid sugli assembramenti, sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 20mila euro.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche