13.5 C
Comune di Bari
giovedì 9 Dicembre 2021
Home Apertura Furti in serie alle casse dei distributori di benzina: arresti a Grumo...

Furti in serie alle casse dei distributori di benzina: arresti a Grumo – NOMI E VIDEO

Notizie da leggere

Il colpo che ha portato i carabinieri a bussare alla loro porta è stato quello messo a segno lo scorso 14 ottobre in danno di un distributore di carburante sulla circonvallazione di Grumo Appula, ma il sospetto dei militari è che siano loro i responsabili di molti episodi analoghi accaduti negli ultimi mesi nel Barese. A finire in manette, nelle scorse ore a Grumo, per il furto nell’area di servizio sono stati i cugini Vito Ramunno e Vito Liantonio, entrambi 29enni. Nell’operazione è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari, come gli altri due, anche Domenico Ramunno, 27enne fratello di Vito, accusato di furto di energia elettrica, aggravato e continuato. Tutti sono pluripregiudicati e volti già noti agli inquirenti.

I due accusati del furto al distributore di benzina di un mese fa, insieme a un terzo uomo ancora in corso di identificazione, avrebbero tagliato con un flessibile la colonnina della cassa automatica OPT portando via un incasso pari a 2.800 euro. Determinanti, al fine degli arresti, sono stati i video acquisiti quella sera ma, soprattutto, la conoscenza dei pregiudicati e l’intuito investigativo dei carabinieri di Grumo che, da tempo, sospettavano dei fratelli Ramunno. Il blitz eseguito poco dopo il colpo all’interno di una vecchia masseria lungo la Mellitto-Cassano, residenza di uno dei due fratelli, ha dato conferma ai sospetti.

I tre erano insieme e uno aveva ancora addosso i capi d’abbigliamento indossati durante il furto. Le perquisizioni dei militari hanno consentito di recuperare anche altri indumenti indossati dai malviventi nei video acquisiti dal distributore e un flessibile identico a quello adoperato dai ladri durante il furto. Prove che hanno portato il gip del Tribunale di Bari, su disposizione della Procura a ordinare per i tre l’applicazione della misura cautelare dei domiciliari eseguita oggi.

Curiosa la circostanza del furto di energia elettrica. Nel corso del blitz alla masseria, infatti, è stato accertato che Domenico Ramunno aveva compromesso il contatore della luce dell’abitazione realizzando un bypass idoneo a evitare la misurazione del consumo di energia. Oggi poi, nel dare esecuzione al provvedimento emesso dal giudice, i carabinieri hanno rinvenuto, completamente cannibalizzata e tagliata nelle parti dove è impresso il numero di telaio, la scocca di un’auto, risultata poi essere una vecchia Alfa Romeo sequestrata e affidata allo stesso Domenico Ramunno. Il 27enne ha guadagnato così anche una denuncia per l’omessa custodia del veicolo a lui affidato.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

error: Contenuti protetti