9.5 C
Comune di Bari
sabato 29 Gennaio 2022
HomeCronacaMaxi blitz anti-spaccio tra Bari e Bat: 19 arresti. Impegnati oltre 100...

Maxi blitz anti-spaccio tra Bari e Bat: 19 arresti. Impegnati oltre 100 carabinieri

Notizie da leggere

Dalle prime ore di questa mattina, oltre 100 carabinieri del Comando Provinciale di Bari sono impegnati in un’operazione antidroga nei comuni di Palo, Modugno, Bitonto, Corato, Bisceglie, Trani e Ruvo.

I Militari dell’Arma stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Bari, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo pugliese e condotte dalla Compagnia Carabinieri di Molfetta, nei confronti di 19 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico 9 persone sono finite in carcere e 9 ai domiciliari, per una è scattato il divieto di dimora nel comune in cui sono stati commessi i reati.

Al centro delle indagini due cugini di 29 e 27 anni residenti a Palo che, durante il lockdown del primo semestre del 2020, avevano organizzato un traffico di vari tipi di droga destinato non solo a soddisfare le richieste dei consumatori locali e dei centri limitrofi, ma anche ad alimentare la filiera di spaccio al dettaglio in altri comuni come Modugno, Bisceglie, Corato e Ruvo.

Sono innumerevoli gli episodi di spaccio monitorati, con gli assuntori che, malgrado le restrizioni Covid, arrivavano a Palo per approvvigionarsi dello stupefacente. Le cessioni documentate avvenivano in prossimità di zone come la stazione ferroviaria, il cimitero e la villa comunale, nonché nelle vicinanze di esercizi commerciali.

Tra i luoghi utilizzati come base per lo spaccio e la custodia dello stupefacente, c’era anche la sede di un’associazione benefica nel centro abitato di Palo, dove molti degli indagati erano soliti trattenersi per pianificare, secondo gli inquirenti, i propri traffici illeciti. Le indagini, con pedinamenti e intercettazioni, hanno consentito in soli tre mesi di documentare quasi 7mila cessioni di sostanze illecite a favore di circa 150 acquirenti.

Nell’operazione i militari sono riusciti a sequestrare più di 1,7 chili di eroina, 1,3 chili di marijuana, e 2.470 euro in contanti. Gli investigatori hanno anche constatato un “massiccio ritorno al consumo di eroina (che in gergo veniva chiamata ‘la nera’), resa particolarmente attrattiva dal prezzo significativamente più basso rispetto a quello di altre sostanze come la cocaina”.

 

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!