20.5 C
Comune di Bari

Le notizie di oggi di Bari su Telebari.it

domenica 22 Maggio 2022
HomeCronacaRaccolta rifiuti, inchiesta su appalti truccati in quattro comuni nel Barese: 8...

Raccolta rifiuti, inchiesta su appalti truccati in quattro comuni nel Barese: 8 indagati

Notizie da leggere

La Procura di Bari ha chiuso le indagini su presunti appalti truccati, per complessivi 120 milioni di euro, relativi alla raccolta dei rifiuti in quattro Comuni del sud est barese. L’avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato notificato dalla Guardia di Finanza a otto persone, cinque dipendenti comunali di Conversano e Monopoli e tre imprenditori, accusati a vario titolo di turbata libertà degli incanti e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale.

L’inchiesta, avviata nel 2018, ha consentito di ricostruire un “articolato sistema di frode, finalizzato alla illecita partecipazione e aggiudicazione di gare d’appalto” indette dal Comune di Monopoli, capofila dell’Aro Ba/8, da parte di una società campana, la Ecologia Falzarano. Gli appalti riguardavano il servizio di raccolta e trasporto rifiuti solidi urbani nei Comuni di Monopoli, Conversano, Polignano e Mola.

Secondo l’accusa i pubblici ufficiali collusi avrebbero omesso intenzionalmente, nelle fasi dei controlli d’ufficio e delle verifiche prodromiche alla stipula dei contratti esecutivi con le stazioni appaltanti interessate, di segnalare la sussistenza di una serie di esposizioni debitorie con il fisco e con gli enti previdenziali a carico della società affidataria, anziché procedere all’avvio della procedura di esclusione della stessa dalla gara.

Nello specifico, i rup dell’Aro Ba/8 e dei comuni di Monopoli e Conversano, Pompeo Colacicco, Amedeo D’Onghia e Danilo Santomauro, in concorso con gli imprenditori Vittorio Lana e Paolo Aureli, pur essendo a conoscenza di tali irregolarità fiscali e contributive, per oltre 4 milioni di euro, accertate tramite l’avvenuta consultazione della banca dati durc online e una segnalazione dell’Agenzia delle Entrate inviata agli enti pubblici interessati, avrebbero attestato la regolarità dei requisiti di legge previsti dal codice dei contratti pubblici.

Della presunta turbativa d’asta rispondono anche un dipendente della ditta campana, Domenico Di Mise, incaricato del servizio di igiene urbana a Conversano e la direttrice esecutiva del contratto nello stesso Comune, Raffaella Longo.

Leggi anche...

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!