Home Sport Volley, l’Italia campione del mondo Under 19 parla pugliese. E il centrale...

Volley, l’Italia campione del mondo Under 19 parla pugliese. E il centrale Cianciotta di Bitetto finisce nel dream team

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

L’Italia maschile del volley è campione del mondo Under 19. Un cammino iniziato ad inizio estate a Camigliatello Silano, dopo una lunga preparazione a Vigna di Valle, proseguito per il torneo EYOF vinto in Azerbaijan, passando per la preparazione in Russia, fino al mondiale di Tunisia, obiettivo principale della stagione dell’Italia U19 maschile di volley di Vincenzo Fanizza, tecnico nativo di Francavilla Fontana classe 1969 con un curriculum che vanta diversi scudetti nazionali conquistati alla guida della Materdominivolley.it Castellana Grotte, un Trofeo delle Regioni alla guida della Puglia maschile nel 2016 e poi l’esperienza in azzurro iniziata nel 2018 proprio nella sua regione, a Martina Franca.

Nella nazionale del tecnico pugliese c’è tanta Puglia, a partire dal capitano Piervito Disabato di Altamura, Nicola Cianciotta di Bitetto (nel dream team del Mondiale come miglior centrale) fino al fisioterapista Ottaviano Tateo di Alberobello, Alessandro Zappimbulso scoutman di Triggiano, passando per Damiano Catania, libero siciliano, pugliese d’adozione per la sua lunga esperienza con la maglia di Castellana Grotte e con la rappresentativa regionale pugliese campione d’Italia nel 2016.

Nel mondiale di Tunisia gli azzurrini hanno inanellato una serie di otto vittorie su otto perdendo un solo punto nella vittoria al tie break all’esordio con la Bulgaria. Poi il cammino verso la medaglia d’oro, arrivata ieri sera grazie all’impeccabile vittoria per 3-1 in finale contro la Russia. Una medaglia che per la seconda volta arriva nella bacheca azzurra, quella al mondiale U19 che ha visto l’Italia arrivare in finale per tre volte nella sua storia, l’ultima 22 anni fa.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui