32.9 C
Comune di Bari
giovedì 5 Agosto 2021
Home Sport SSC Bari, Guberti esalta Mignani: “Scelta importante. Porta idee e mentalità”

SSC Bari, Guberti esalta Mignani: “Scelta importante. Porta idee e mentalità”

Notizie da leggere

Attesa in giornata la firma di Michele Mignani come nuovo allenatore del Bari. Si ragiona su un contratto annuale con rinnovo obbligatorio in caso di promozione in serie B. Ieri al Tb Sport ne ha parlato Stefano Guberti, ex calciatore biancorosso e allievo di Mignani a Siena dal 2017 al 2019.

“E una scelta importante – le parole di Guberti – è un allenatore pronto per una piazza come Bari. Grande tecnico e bravissima persona. Mi auguro che sia il trampolino di lancio decisivo per la sua carriera. È come un prendere o lasciare, sa benissimo che si gioca molto e che deve venire a Bari per vincere.  Sono convinto farà bene”.

Guberti si sofferma poi sull’aspetto tattico: “Mignani ha idee molto chiare, gli piace imporre il gioco, fare possesso palla e comandare la partita. Da noi a Siena ha giocato sempre con il 4-3-1-2, ma si adatta ai giocatori che ha in squadra. È preparato e meticoloso, riesce a dare la giusta tranquillità  al gruppo nella gestione dei diversi momenti della stagione. Adesso tocca alla società mettergli a disposizione una squadra più competitiva rispetto a quelle che ha guidato in questa stagione. Bari merita categorie superiori”.

Inevitabile aprire anche l’album dei ricordi. Guberti è stato grande protagonista nella stagione della promozione del Bari in seriea A nel 2019: “Bari per me è stata una esperienza fantastica, ricordi incredibili, sei mesi che porterò sempre nel cuore. Poi c’era Conte che mi ha aperto un mondo diverso. Lui ci dava la convinzione che seguendolo si potevano ottenere risultati anche insperati. Ti convinceva che con il lavoro potevi andare oltre la qualità maggiore degli avversari. Un grande nella gestione del gruppo. Sarò sempre grato al Bari. Peccato non essere mai riuscito a tornarci, mi avrebbe fatto piacere. Chissà magari ci riuscirò da allenatore. Devo recuperare quanto perso in carriera per quella faccenda legata alle scommesse. Ho perso due anni per dimostrare la mia innocenza. Sono però un testardo, adesso gioco ancora uno o due stagioni a Siena e poi spero di ritagliami una carriera importante da allenatore”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche