21.1 C
Comune di Bari

Le notizie di oggi di Bari su Telebari.it

lunedì 26 Settembre 2022
HomeSportSSC Bari, Bellomo: "Non vedevo l'ora di tornare. Il meglio deve ancora...

SSC Bari, Bellomo: “Non vedevo l’ora di tornare. Il meglio deve ancora venire”

Notizie da leggere

Barese purosangue, tornato in questa stagione a giocare per la squadra della sua città, Nicola Bellomo si è nuovamente presentato alla piazza biancorossa nella conferenza stampa di questo pomeriggio. Queste le sue parole:

RITORNO A BARI: Volevo tornare a tutti i costi. Appena ho saputo della trattativa ho spinto tanto affinché potesse concretizzarsi. Sentivo di aver lasciato le cose a metà qui a Bari dopo la mia prima esperienza. Ho trovato subito un gruppo sano. Ho sempre seguito il Bari anche a distanza e secondo me il direttore e la società hanno fatto un grande lavoro per allestire questa rosa. E’ stato fondamentale mantenere lo zoccolo duro dello scorso anno”.
DESTINO COMUNE CON GALANO: “Con Cristian siamo cresciuti insieme fin da piccoli, ci siamo ritrovati anche a Vicenza. Spero possa far bene anche lui qui al ritorno in biancorosso perché, al di là del grande rapporto di amicizia, credo abbia un potenziale enorme dalla sua parte. Deve riuscire ad esprimersi al meglio, ma sono convinto che alla fine ce la farà a dimostrare il suo valore”.
BARESITA’: Poter scendere in campo con la maglia della squadra della propria città sicuramente ti dà una spinta maggiore a far bene. Senti maggiori responsabilità, se prima davo il 100% in altre squadre ora devo dare ancora di più”.
DIFFERENZE TRA IL BARI DEL PASSATO E QUELLO DI OGGI: “Ce ne sono tante a livello societario. I problemi finanziari che c’erano all’epoca non ci sono oggi. Ho notato subito una società sana e forte in tutti gli ambiti, ci sono tutti i presupposti per far bene”.
RUOLO: “Deciderà il mister dove impiegarmi, negli anni ho ricoperto tutti i ruoli del centrocampo anche se nasco trequartista. All’occorrenza posso giocare dove serve, il mister già in allenamento mi prova un po’ dovunque”.
FOLORUNSHO: “Lo conosco ormai da due stagioni, siamo stati compagni alla Reggina. Ha qualità fuori dal comune per essere un ’98. E’ un calciatore completo. Sinceramente mi aspettavo potesse partire forte conoscendolo bene”.
CARRIERA: “Secondo me il meglio deve ancora venire, anche se quello che hai ottenuto è quello che hai meritato. Quand’ero più giovane avevo un po’ la testa tra le nuvole, oggi sono più maturo e vedo le cose in maniera diversa. La colpa non è degli altri se non ottieni qualcosa, ma solo di te stesso. L’unica cosa su cui posso recriminare è la sfortuna che ho avuto negli infortuni quando ero all’apice della carriera”.
GOL: “Sì, forse per le qualità che ho non ho segnato tantissimo in carriera. Però dipende anche dal ruolo che ho interpretato nelle varie stagioni. In quelle in cui ho segnato 6-7 gol giocavo più avanzato”.

Leggi anche...

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!