12.3 C
Comune di Bari

Le notizie di oggi di Bari su Telebari.it

martedì 29 Novembre 2022
HomeSportC'è la partita del Bari a Parma, si laurea in autogrill: la...

C’è la partita del Bari a Parma, si laurea in autogrill: la storia del super tifoso Massimo

Notizie da leggere

Non si è perso d’animo Massimo Vitti, imprenditore barese di 46 anni, da quasi 30 a Roma, quando ha scoperto che la data fissata per la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale era la stessa nella quale il suo grande amore, il Bari, giocava a Parma. Non ha voluto rinunciare a nessuna delle due gioie e si è così ritrovato mercoledì a laurearsi all’interno dell’autogrill Cantagallo poco prima di Bologna, sull’A1. A raccontarlo è l’Ansa.

Massimo era partito da Roma circa quattro ore prima insieme agli amici di sempre del gruppo che ha fondato nel 2014 e di cui è presidente, “La Bari Capitale”, composto dai tifosi della squadra pugliese che vivono nella città eterna. Un gruppo che da anni sostiene la squadra in tutte le trasferte in giro per l’Italia. Il super tifoso ha deciso che non sarebbe mancato neanche questa volta e, per non sacrificare sull’altare del tifo gli sforzi da studente, alle 15 in punto si è accomodato nel ristorante della stazione di servizio: tra lo stupore dei passanti, grazie a un telefonino collegato in rete, si è gustato in un’insolita location la cerimonia che grazie a una tesi sulle “Monete complementari nei mercati moderni” lo ha visto laurearsi con 82 su 110.

L’impresa è stata resa possibile, oltre che dalla determinazione del laureando, dal fatto che l’istituto che gli ha conferito il titolo appartiene a quelli che operano online, riconosciuti dal Miur. Stappato lo champagne e raccolti gli auguri dei presenti, Massimo si è rimesso in macchina e ha percorso i chilometri restanti che lo separavano dal settore ospiti dello stadio Tardini di Parma, dove il 19 era in programma la gara di Coppa Italia tra la locale squadra e il Bari. L’esito negativo del match non ha scalfito la gioia di Massimo per il traguardo conseguito poche ore prima.

“Il risultato conta niente è il motto del nostro gruppo, e vale oggi più di sempre”, sottolinea il neodottore all’Ansa. “Vale anche per quell’82?”, lo provoca uno degli amici presenti al doppio evento. “No, lì contava – ribatte Massimo -, sono fiero del mio 82, mi ricorda il mondiale di Pablito”. Tutto è riconducibile al calcio per uno che ha chiamato il primogenito Igor, nome del calciatore del Bari, Protti, che ha amato di più. Finita la festa si torna a casa, con altri 500 chilometri da fare.

“Una passeggiata, per noi che non abbiamo lasciato mai sola la squadra neanche in Serie D, quando c’era da andare in posti di cui non conoscevamo l’esistenza fino al giorno prima. Troina, per dire, provincia di Enna. Ora lo so, d’altra parte sono laureato”, scherza e a chi gli chiede se vale la pena fare tutti quei chilometri risponde: “Lo spiegò bene Raboni, il poeta: si è tifosi della propria squadra perché si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere”. Ultras e lode.

Leggi anche...

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!