9.1 C
Comune di Bari

Le notizie di oggi di Bari su Telebari.it

domenica 29 Gennaio 2023
HomeStorieSalva gatti e dona gadget a chi lo aiuta: la storia di...

Salva gatti e dona gadget a chi lo aiuta: la storia di “zio Gino”, il preseparo di Bari

Notizie da leggere

L’ultima raccolta fondi era destinata a Gigina, gattona bianca che per la terza volta ha mobilitato gli amanti dei felini di Bari per pagare le spese del veterinario e salvarle (di nuovo) la vita. “Quando l’abbiamo trovata, era bloccata su un albero gigante vicino all’Ikea- racconta Biagio Diana – E’ stata lì due settimane, si nutriva dai nidi: per farla scendere abbiamo provato con pompieri, acrobati, complesse manovre e una gabbia portata in alto oltre dieci metri con il cestello”. Gigina è solo uno delle decine di gatti salvati da “zio Gino”: il preseparo più famoso di Bari, infatti, da anni aiuta i felini randagi della città e crea sculture da donare a chi lo supporta.

Quella di Biagio Diana è una storia di riscatto e altruismo. In città “zio Gino” è conosciuto da tutti grazie alla passione per i presepi. Nel 2006 la prima mostra di arte presepiale “SpaccaBari”, diventata ormai un appuntamento fisso per tutti coloro che amano  stringersi intorno al presepe e al culto della natività, e giunta ormai alla 17esima edizione. La vita di Biagio è raccolta anche in un libro (‘SpaccaBari’, appunto), che ricorda come sia nata la speciale esposizione tra gli artigiani di Bari vecchia e artisti di diversa formazione.
Chi conosce “zio Gino”, sa però che la sua grande passione sono anche i gatti. “Lavoro da sedici anni all’Ikea con una ditta appaltatrice – spiega Biagio – e intorno al centro commerciale vivono sei gatti. Tutta l’area è una enorme colonia felina con tantissimi animali, motivo per cui ho calcolato una spesa settimanale mia di almeno 14 euro solo per cibo e croccantini”.

Difficile sostenere l’impegno economico con un solo stipendio. “Ecco perché costruisco gadget con materiale di riciclo, dal carro alla casetta in campagna – sorride Biagio – e acquisto piccoli oggettini, come portachiavi, da donare a chi sostiene me e i gatti delle colonie feline della città”. L’amore per gli animali è nato da Cheo, gattone scomparso a cinque anni e mezzo, e fedele compagno di Biagio. “Chiedo a tutti di adoperarsi per la causa, e magari alle istituzioni di prevedere almeno l’acquisto dei croccantini – è il suo appello – di modo che i gattari possano impegnare le loro energie e le loro finanze per la cura delle colonie e della salute dei gatti”.

Leggi anche...

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!