6.2 C
Comune di Bari

Le notizie di oggi di Bari su Telebari.it

domenica 29 Gennaio 2023
HomeStorie'Supersalumeria' chiude dopo 53 anni: nuovo gestore la riapre e assume dipendente...

‘Supersalumeria’ chiude dopo 53 anni: nuovo gestore la riapre e assume dipendente dello storico negozio

Notizie da leggere

L’angolo dei salumi è rimasto immutato: ci sono i cimeli del marchio ‘Levoni’ e la signora Grazia che sorride ai clienti. Il destino e la (bella) storia hanno voluto che il punto vendita di via Carulli non diventasse l’ennesima vetrina chiusa della città: la “Supersalumeria Lorusso” del quartiere a cavallo tra il centro e Madonnella ha riaperto i battenti sotto altro nome, ma con veste non troppo diversa dal negozio antico mezzo secolo.

È una storia a lieto fine, quella della Supersalumeria di Mario Lorusso. Telebari aveva raccontato a settembre scorso l’incredulità e la commozione dei clienti, che in 53 anni di attività avevano cercato nell’Alimentari Lorusso cibo, conforto e chiacchiere familiari. Dopo mezzo secolo di vita, infatti, il 30 settembre 2021 aveva chiuso la storica ‘supersalumeria’ di via Carulli di Mario Lorusso. Il fondatore della bottega, diventata poi un vero supermercato a conduzione familiare, era ormai alla soglia degli ottant’anni, e le due figlie avevano scelto altri percorsi di vita (la storia completa qui).

Ai microfoni di Telebari, il signor Mario, sua moglie e le due figlie avevano subito espresso il desiderio di “non disperdere il patrimonio di amicizie nate in questo posto”. E così, per fortuna, è stato. Ad acquistare la gestione del supermercato di via Carulli ci ha pensato Vincenzo Reddavide, già proprietario di altri due market e di un ristorante tra Bisceglie e Molfetta. La vetrina è tornata a splendere con il marchio “Proxi”: tra banco salumi e scaffali i clienti incrociano ancora il signor Mario in attività, a dispensare consigli ai suoi successori.

La linea scelta non è stata casuale. “Ho deciso di mantenere tutto invariato, senza fare cambiamenti radicali sia nelle attrezzature che nei prodotti – racconta Vincenzo Reddavide – Ho voluto anche mantenere la ‘vecchia guardia’ in quanto a personale: un dipendente era in prossimità della pensione, ma la signora Grazia, punto di riferimento della Supersalumeria, è rimasta con noi in squadra”. Un ruolo importante l’ha giocato il sentimento comune dei clienti. “Li vedevo tristi e commossi, cosa comprensibile visto che la famiglia Lorusso è composta da persone squisite – confessa – Ho compreso che c’era un’alta fidelizzazione sui prodotti e anche sul concetto di conduzione familiare del negozio: una filosofia in cui credo fermamente, visto che siamo pieni di grandi iper con casse automatizzate, in cui si perde il senso del rapporto umano”.

 

Leggi anche...

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!