9.3 C
Comune di Bari
domenica 18 Aprile 2021
Home Attualità Coronavirus, Smi Puglia: “No assistenza a case senza tutela”

Coronavirus, Smi Puglia: “No assistenza a case senza tutela”

Da leggere

“Non possiamo e non vogliamo piangere altri colleghi”: la sezione della Puglia del sindacato dei medici italiani (Smi), è critico sull’iniziativa della Regione Puglia di avviare il prossimo 24 aprile le Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), che avranno il compito di assistere a casa, nella ‘fase 2’, i pazienti Covid-19. Ieri il direttore del dipartimento regionale della Salute, Vito Montanaro, ha annunciato l’attivazione per la prossima settimana, ma tra i medici ci sono molte perplessità che sono state messe nero su bianco in una lettera inviata anche al governatore Michele Emiliano. “Abbiamo scritto a Emiliano e Montanaro – spiega il segretario regionale dello Smi, Francesco Pazienza – per richiamare la loro attenzione sulla istituenda struttura Usca. La posizione del sindacato che rappresento è nota: non possiamo e non vogliamo piangere altri colleghi morti”. “Non è pensabile – evidenzia – avviare questo servizio senza alcune indispensabili garanzie strumentali (Dpi idonei, a norma e in quantità sufficiente) e senza un minimo necessario di logistica (mezzi di trasporto, individuazione di locali dedicati da sottoporre a frequente sanificazione e)”. “Né tanto meno possiamo operare – conclude – senza attrezzature mediche adeguate che non si limitano solo a termoscanner, a saturimetro e al teleconsulto, per fare un controllo medico che non sia una farsa”


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!