37 C
Comune di Bari
mercoledì 28 Luglio 2021
Home Attualità Riduzione assegno di cura per malati gravi, Aisla a Regione Puglia: "Da...

Riduzione assegno di cura per malati gravi, Aisla a Regione Puglia: “Da 900 a 600 euro. Inaccettabile”

Notizie da leggere

L’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica (Aisla) ritiene inaccettabile la riduzione da 900 a 600 euro che la Regione Puglia intende applicare all’assegno di cura mensile per i disabili gravissimi pugliesi, tra cui figurano circa 300 persone con SLA. L’assegno di cura – viene evidenziato in una nota – è uno strumento indispensabile per sostenere le famiglie in tutte le spese necessarie per l’assistenza domiciliare ai loro cari.

Per questo Aisla “si oppone nettamente alla riduzione dell’importo per i disabili gravissimi, anche alla luce dell’emergenza sanitaria in corso, legata al Covid-19, che ha determinato la drastica riduzione dei servizi ambulatoriali e domiciliari destinati anche per le persone con disabilità gravissime e un conseguente carico assistenziale pesantissimo che ricade sulle famiglie”.

Aisla dal 17 aprile, data dell’ultima convocazione del tavolo tecnico sulla disabilità, ha avanzato alla Regione le seguenti richieste, senza ottenere risposta: l’adozione tempestiva di un provvedimento che garantisca l’erogazione degli assegni di cura, mantenendo l’importo di 900 euro per tutti i disabili gravissimi e in dipendenza vitale; l’erogazione immediata ai disabili gravissimi in un’unica soluzione degli assegni di cura del primo semestre del 2020; garantire la possibilità ai malati con patologie le cui condizioni sono peggiorate sino a renderli disabili gravissimi, di accedere in deroga all’assegno di cura.

Considerato che l’ultima scadenza di bando risale a novembre 2018, negli ultimi 17 mesi a queste persone – sostiene l’associazione – non è stato riconosciuto alcun sostengo. “Non è accettabile farli attendere ulteriormente perché – conclude la nota – per molti di loro, nel contempo, è già sopraggiunta la morte lasciando le famiglie, già straziate dal dolore, in severe difficoltà economiche”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche