3.4 C
Comune di Bari
mercoledì 19 Gennaio 2022
HomeAttualitàFase 2, il sindaco di Gravina: “A casa chi resta? Nuovo DPCM...

Fase 2, il sindaco di Gravina: “A casa chi resta? Nuovo DPCM rappresenta un insulto all’intelligenza umana”

Notizie da leggere

“Nessun nuovo caso e guariti che raddoppiano, ma a preoccupare oggi è altro: il Governo sin qui ha fatto la sua parte, ma l’ultimo DPCM lascia molti dubbi. Uno su tutti: a casa chi ci resta?”. Così il sindaco di Gravina, Alesio Valente, su Facebook. Nella sua città i positivi al coronavirus rimangono 19, mentre le persone che hanno sconfitto il Covid sono passate da 4 a 8. I commenti del primo cittadino, però, sono tutti per il nuovo decreto firmato dal premier Giuseppe Conte.

“Le contraddizioni dell’ultimo DPCM, per quanto mi riguarda, portano rabbia e amarezza – dice Valente -. Credo che il decreto, per alcuni aspetti, rappresenti un insulto all’intelligenza umana. In sostanza, dal 4 maggio potremo uscire tutti: andare a fare la spesa o nell’orticello in campagna, ma anche fare attività motoria in giro per la città, passeggiare nei parchi e – badate bene – fare visita a chiunque. Perché con il termine ‘congiunti’, a quanto pare, si indica ogni relazione affettiva stabile con un’altra persona. Parenti, fidanzatini o profonde amicizie. Restano a casa solo i poveri ristoratori, i parrucchieri e gli estetisti, i gestori di palestre e poche altre attività ritenute secondarie. Quando tutti, di fatto, hanno una scusa per uscire”.

“Se apriamo le città – conclude Valente -, apriamole per tutti. È un decreto che impedisce i controlli e porta tutti in strada. Che mantiene chiusi parrucchieri ed estetisti regolari, che pagano le tasse, ma di fatto fa lavorare chi svolge lo stesso lavoro a nero. Non è giusto”.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!