9.1 C
Comune di Bari
giovedì 15 Aprile 2021
Home Attualità Bari, lettera penalisti a Bonafede: “Dare priorità alle nostre esigenze”

Bari, lettera penalisti a Bonafede: “Dare priorità alle nostre esigenze”

Da leggere

A due anni dallo sgombero del Palagiustizia di via Nazariantz, per rischio crollo, i penalisti di Bari scrivono una lettera al ministro Alfonso Bonafede.

«Le chiediamo – scrivono – di tenere fede al suo giuramento di ministro», di «riaprire il cassetto in cui ha conservato il fascicolo dell’edilizia giudiziaria barese» e di «dare priorità, anche nominando un commissario ad acta per l’evidente stato di emergenza e di urgente e grave necessità, alla risoluzione di un problema che offusca la dignità dello Stato».

Nella lettera, consegnata ieri nelle mani del sindaco di Bari, Antonio Decaro, il presidente della Camera penale Guglielmo Starace ripercorre le tappe che, dal 1998 ad oggi, hanno portato l’edilizia giudiziaria barese a trasferimenti da una sede all’altra, nell’estate 2018 in una tendopoli, poi a frammentarsi in sette diversi edifici in più Comuni dell’area metropolitana, con gli avvocati che «hanno peregrinato in lungo e in largo» e, infine, nel palazzo di via Dioguardi al quartiere Poggiofranco, «sede gravemente inadeguata allo svolgimento della funzione giudiziaria».


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche