35.5 C
Comune di Bari
sabato 31 Luglio 2021
Home Apertura Sport di contatto, in Puglia si può. Emiliano cancella il parere del...

Sport di contatto, in Puglia si può. Emiliano cancella il parere del CTS e firma l’ordinanza: “Qui rischio è basso”

Notizie da leggere

Il Comitato Tecnico Scientifico, a livello nazionale, boccia il possibile ritorno del calcetto e degli sport di contatto. Per il pericolo di focolai, secondo gli esperti, “vanno ancora rispettate le prescrizioni del distanziamento e della protezione individuale”. Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, non è in linea con questa opinione e lo scrive a chiare lettere sui social: “Non sono d’accordo con il parere del CTS, confermo il mio parere positivo e resto in attesa di quello del ministro Speranza”. Il governatore della Puglia, Michele Emiliano, passa alle vie di fatto. Cancella il punto di vista del CTS e, a partire da oggi, riporta gli sport di contatto nella vita quotidiana dei pugliesi.

“In tanti aspettavano questa ordinanza – scrive il presidente della Regione su Facebook -. Gli amanti del calcetto, del basket, della pallavolo, delle arti marziali e di tutti gli altri sport di contatto potranno riprendere a praticare le rispettive attività in base alle linee guida allegate all’ordinanza. Il provvedimento è stato possibile grazie al basso rischio nell’andamento dell’epidemia nella nostra regione – spiega Emiliano -, come accertato dal dipartimento Promozione della Salute e confermato dall’ultimo report del responsabile del coordinamento emergenze epidemiologiche”.

Nell’ordinanza, quindi, sono riportate le linee guida che i centri sportivi dovranno seguire. Informazione sulle misure di prevenzione da adottare, regolamento degli accessi per evitare assembramenti, elenco presenze da mantenere per 14 giorni e organizzazione degli spazi – nello specifico spogliatoi, docce e servizi – assicurando la distanza di almeno 1 metro sono la base comune alle altre attività già ripartite precedentemente. I centri sportivi dovranno prevedere la presenza di un addetto alla raccolta delle quote. L’uso della mascherina per gli amatori è obbligatorio all’arrivo al centro, fino all’inizio della pratica sportiva e immediatamente dopo la conclusione della stessa. È vietato condividere borracce, bicchieri e bottiglie e non si potranno scambiare con altri oggetti quali asciugamani, accappatoi o altro. Mentre ancora i centri sportivi dovranno rendere disponibili a bordo campo, per giocatori e atleti, fazzoletti monouso e contenitori per lo smaltimento degli stessi più gli ormai consueti dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche