11.6 C
Comune di Bari
sabato 4 Dicembre 2021
Home Attualità Regione Puglia, tre milioni di euro per lo sport dilettantistico: ASD e...

Regione Puglia, tre milioni di euro per lo sport dilettantistico: ASD e SSD potranno ricevere da 500 a 1.500 euro

Notizie da leggere

Contributi a fondo perduto da 500 a 1.500 euro e, complessivamente, tre milioni di euro stanziati per salvare le piccole associazioni e società sportive dilettantistiche pugliesi che, dopo il lockdown, rischiano di sparire. È questo l’intervento deciso dalla Giunta regionale della Puglia, che ha pubblicato l’avviso rivolto ad ASD e SSD per aiutarle a superare l’emergenza provocata dalla pandemia di coronavirus.

“Siamo concretamente al fianco del movimento sportivo pugliese – ha sottolineato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, riferendosi alla delibera proposta dall’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese -. Abbiamo dovuto aspettare le misure nazionali per non sovrapporci, capire come potevamo indirizzare più efficacemente i contributi economici a realtà che vivono di volontariato e passione e che, tuttavia, qualificano pezzi di città, realizzano coesione sociale e diffondono salute e i valori positivi dello sport”.

L’avviso pubblico, dalle 12 di lunedì 29 giugno, sarà aperto alle associazioni e società sportive dilettantistiche con sede legale e operativa in Puglia, che dimostrino di svolgere attività sportiva sul territorio regionale. Quindici i giorni di tempo per fare la domanda, trenta quelli necessari per avere una risposta.

DUE LE TIPOLOGIE DI BENEFICIARI

La prima tipologia riguarda le ASD e SSD che svolgono la propria attività presso strutture o impianti sportivi di proprietà di un soggetto diverso dal richiedente, sulla base di un contratto di comodato d’uso gratuito. A tutti i soggetti in possesso dei requisiti richiesti dall’Avviso regionale, sarà riconosciuto un contributo economico di 500 euro, senza attribuzione di punteggi di sorta.

La seconda tipologia riguarda le ASD e SSD che svolgono la propria attività presso strutture o impianti sportivi che sono di loro proprietà o sono di proprietà di un soggetto diverso in base a un contratto di affitto regolarmente registrato o a una convenzione da cui si deduca la spesa per l’utilizzo dell’immobile.

Per questa secondo tipologia ci sarà una graduatoria determinata da una serie di punteggi: ai primi 500 sarà assegnato un contributo di 1.500 euro; dal 501° al 1000° posto sarà assegnato un contributo di 1.000 euro, dal 1001° posto in poi sarà assegnato un contributo di 750 euro.

I CRITERI DI VALUTAZIONE CHE DETERMINERANNO I PUNTEGGI

Fino a 10 punti per il numero dei contratti di collaborazione professionale o di lavoro dipendente, fino ad altri 10 punti in base agli anni di affiliazione agli Enti riconosciuti dal CONI o dal Comitato Italiano Paralimpico, fino a ulteriori 10 punti in base al numero di iscritti e tesserati alle varie discipline sportive svolte dall’ASD o dalla SSD.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

error: Contenuti protetti