Home Attualità Bari, al via le attività ludico-ricreative rivolte a 150 bambini tra i...

Bari, al via le attività ludico-ricreative rivolte a 150 bambini tra i 3 ed i 36 mesi. Romano: “Iniziamo con gruppi da 5”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Sono partite oggi le attività ludico-ricreative per la prima infanzia rivolte a 150 bambini di età compresa tra i 3 ed i 36 mesi, già iscritti al servizio educativo comunale per l’anno scolastico 2019/20 degli asili nido e delle sezioni primavera a gestione diretta del Comune di Bari. Secondo quanto previsto dal provvedimento le attività per i più piccoli si terranno a partire da oggi fino al 31 luglio, con esclusione del sabato e dei giorni festivi, dalle ore 7.30 alle 13. Si tratta di attività che non rientrano tra le prestazioni educative del servizio di asilo nido ma costituiscono attività di carattere ludico-ricreativo non formale volte a garantire, in questo particolare momento storico, la ripresa della vita relazionale dei bimbi favorendone la socialità e l’attitudine al gioco. Proprio per la loro natura, le attività saranno svolte da operatori esterni specializzati già aggiudicatari degli appalti del servizio educativo integrativo.

Condizione imprescindibile per la partecipazione dei minori alle attività è la sottoscrizione, all’atto dell’adesione al servizio, di un patto di corresponsabilità tra il Comune di Bari, i genitori dei minori e i soggetti affidatari delle attività ludico-ricreative ai fini del rispetto delle regole di gestione dei servizi finalizzate al contrasto della diffusione del Covid. Ogni bambino sarà accolto con il genitore o con accompagnatore nell’orario prestabilito e concordato con l’equipe per presenziare alla festa di ritorno al nido, della durata di un’ora circa, che coincide con la riunione di sezione. A seguito del triage eseguito dall’educatore genitori e bambini entreranno di volta in volta negli spazi loro riservati e, rispettando le distanze di sicurezza, riceveranno chiarimenti sulle procedure quotidiane e su quelle anti Covid, condividendo e compilando la modulistica sulla programmazione pedagogica.

Il filo conduttore delle attività sarà stimolare l’espressività attraverso l’immaginazione. Altrettanto importante sarà il rapporto fra gioco ed esplorazione, gioco e conoscenza, con l’obiettivo di accompagnare i più piccoli a guardare e scoprire i fenomeni tipici della stagione estiva. Il tema dell’estate sarà quindi associato a una esperienza di narrazione sul tema coronavirus a sfondo educativo, in modo tale che i bambini possano conoscerlo in una versione giocosa per poter rielaborare il proprio vissuto.

“Dopo una lunga interlocuzione con il Ministero e la Regione Puglia e l’intenso lavoro svolto dai nostri uffici oggi partono le attività estive anche per i bambini piccolissimi già iscritti nei nidi comunali – spiega l’assessore alle Politiche educative e giovanili, Paola Romano -. Iniziamo con tante piccole micro feste dell’accoglienza con cinque coppie di genitore/bambino per 1 ora ciascuno, con i quali vogliamo festeggiare l’attivazione di questo servizio, ma anche spiegare attraverso il gioco e rielaborare con loro il periodo passato. Sino al 31 luglio le attività saranno svolte in piccoli gruppi formati ciascuno da 5 bambini seguiti da un educatore, nel rispetto della disciplina anti Covid. In questo modo vogliamo sperimentare anche un modello che ci permetta di arrivare preparati alla possibile riapertura di settembre che ci auguriamo venga confermata al più presto dal Ministero”.

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui