14.6 C
Comune di Bari
giovedì 22 Aprile 2021
Home Attualità Bari, Fondazione Tatarella: l’archivio della destra italiana raccolto dai fratelli Pinuccio e...

Bari, Fondazione Tatarella: l’archivio della destra italiana raccolto dai fratelli Pinuccio e Salvatore diventa digitale

Da leggere

L’archivio raccolto dai fratelli Pinuccio e Salvatore Tatarella sui movimenti politici della destra italiana diventerà digitale. I lavori, grazie anche al contributo di un bando della direzione generale Archivi del Mibact, sono già stati avviati. Lo fa sapere la stessa Fondazione Tatarella, affidando a una nota il commento di Leonardo Musci, archivista che ha già curato le carte delle fondazioni Di Vagno, Einaudi e Craxi. “La Fondazione Tatarella – sottolinea Musci – ha il maggior numero di documenti del MSI e di AN. Se c’è un buco archivistico a livello nazionale è a destra, con delle splendide eccezioni come la Fondazione Tatarella”.

“Costruire il più importante archivio della destra italiana era il sogno di mio padre – spiega nella nota Fabrizio Tatarella, figlio di Salvatore e vice presidente della Fondazione -. Lo stiamo realizzando. Nel panorama archivistico nazionale siamo un unicum per quando riguarda la destra italiana e la sua recente evoluzione storica. Proprio in queste stanze Pinuccio Tatarella ha immaginato il percorso della destra italiana come moderna forza di governo. Tra questi documenti e queste carte che appartengono ai due fratelli è possibile ricostruire non solo la storia e le vicende politiche di due persone, ma l’intera storia di una comunità, quella della destra italiana”.

Con Musci, collaborano a riordino e digitalizzazione la società Dabimus, spin off dell’Università di Bari, con il professor Nicola Barbuti. Inoltre, “collaboriamo con la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica di Puglia e Basilicata e l’Università di Bari, con la quale abbiamo sottoscritto un Accordo Quadro”, ha aggiunto Fabrizio Tatarella, ringraziando la soprintendente, professoressa Annalisa Rossi, “per aver recentemente visitato la Fondazione e deciso di seguire in prima persona questo percorso”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!