Home Attualità Bari, ecco la nuova piazza Disfida di Barletta. Leonetti: “Fontane a pavimento...

Bari, ecco la nuova piazza Disfida di Barletta. Leonetti: “Fontane a pavimento per la gioia dei bimbi” – FOTO

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Questa mattina il sindaco Antonio Decaro, insieme all’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso e al presidente del Municipio I, Lorenzo Leonetti, ha effettuato un sopralluogo in piazza Disfida di Barletta, oggetto di una riqualificazione finanziata nell’ambito del bando nazionale Periferie aperte, in occasione della fine dei lavori.

“L’intervento completato – ha spiegato Decaro – ci ha permesso di eliminare le automobili, che possono sostare in un parcheggio a due isolati di distanza, e recuperare la socialità, la possibilità di stare insieme in questa nuova piazza e, per i bambini, di avere un posto sicuro in cui giocare. Questo è un progetto che risale al 1883 perché siamo nell’area che avrebbe dovuto accogliere i viaggiatori delle ferrovie Bari Nord in arrivo presso il fabbricato viaggiatori e che da qui si sarebbero dovuti orientare per muoversi in città. Sono passati quasi 150 anni, effettivamente ci abbiamo messo un po’ di tempo ma siamo finalmente riusciti a realizzare questo nuovo spazio pubblico al servizio del quartiere Libertà, storicamente privo di luoghi dedicati al tempo libero”.

Entusiasta, sui social, il presidente Leonetti. “La piazza è corredata di alberi, aiuole, panchine, illuminazione a led e la predisposizione di un impianto di video sorveglianza – spiega -. Rappresenta un tassello importante per il quartiere Libertà, che non deve più sentirsi periferia della città, ma un prolungamento del Quartiere Murattiano. È la prima piazza del nostro Municipio con le fontane a pavimento, per la gioia dei bambini. Oggi qualcuno di loro mi stava spiegando come sgattaiolare tra le fontane senza bagnarsi – conclude – ma come glielo spiego che sono troppo alto per riuscirci?”.

Soddisfatto, sempre sui social, anche l’assessore all’Ambiente, Pietro Petruzzelli, residente del quartiere. “Una piazza sempre usata come parcheggio – scrive -, ora invece diventa luogo di incontro, di gioco e di socialità. Una piazza che finalmente si presenta bellissima e che ora dobbiamo imparare a proteggere perché un luogo pubblico è di tutti e non di nessuno”.