13.6 C
Comune di Bari
martedì 13 Aprile 2021
Home Apertura Decaro su emergenza Covid a Bari: "Ricoverate 70 persone, 5 in terapia...

Decaro su emergenza Covid a Bari: “Ricoverate 70 persone, 5 in terapia intensiva”. San Paolo quartiere con più casi

Da leggere

A Bari città, nelle ultime ore, si sono registrati ulteriori 31 casi Covid. Positività che, stando ai dati forniti dalla Prefettura, si aggiungono alle 505 persone contagiate fino alla giornata di giovedì. Ad aggiornare i baresi sull’emergenza epidemiologica è il sindaco Antonio Decaro. Il primo cittadino, nella serata di ieri sui social, ha fatto anche il punto sulla situazione negli ospedali.

“Nelle strutture ospedaliere della città ci sono 70 persone ricoverate per coronavirus – spiega Decaro durante una diretta Facebook -. In terapia intensiva, invece, abbiamo 5 pazienti. La maggior parte delle persone positive è a casa, senza sintomi particolari. L’eta media si è abbassata: si ammalano soprattutto i giovani, come nel caso delle ultime 31 positività rintracciate”.

“Ci sono quartieri della città dove i casi sono pochi – prosegue il sindaco -. A Loseto, ad esempio, abbiamo solo una persona contagiata. A Torre a Mare sono 3. A Barivecchia, invece, ne abbiamo 46. Al San Paolo ne contiamo 66, ma questo è un dato che va di pari passo con la densità della popolazione: si tratta, infatti, di un quartiere in cui abitano più persone e dunque il numero dei casi è più alto. In percentuale, al San Paolo abbiamo 2 cittadini positivi su 1.000, mentre nel borgo antico la percentuale sale a 8 su 1.000”.

Di stretta attualità è il tema scuole. “Ad oggi abbiamo chiuso delle classi, più una scuola che riaprirà lunedì dopo le operazioni di sanificazione programmate tra venerdì e sabato – dice Decaro -. Sono 25 gli istituti, in tutta l’area metropolitana di Bari, in cui si sono verificati casi Covid. In tutti i casi, tranne uno, si tratta di contagi maturati nell’ambito familiare e poi portati nel contesto scolastico. Nei prossimi giorni organizzeremo una riunione, prima con i sindaci e poi con i dirigenti scolastici, per fare il punto della situazione”.

Infine il capitolo multe. “Ne abbiamo fatte e ne continueremo a fare – conclude il sindaco -. E ci tengo a precisare, considerate le accuse di qualcuno, che quei soldi non finiscono nelle casse del Comune, ma in quelle dello Stato. Nessuno si diverte a sanzionare i titolari delle attività, i clienti o la gente per strada ma le regole vanno rispettate. Tanti verbali sono stati elevati nei mercati, tantissimi nelle zone della movida. La tendenza, soprattutto nei giovani, è quella di non indossare le mascherine la sera. Non va bene. Coprire naso e bocca con la mascherina non è da sfigati. È grave non farlo. Aiutiamoci gli uni con gli altri e vedrete che riusciremo a ridurre il numero dei contagi”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche