17.3 C
Comune di Bari
sabato 10 Aprile 2021
Home Apertura Puglia, nuova ordinanza della Regione: "Scuole aperte, ma nessun obbligo di lezioni...

Puglia, nuova ordinanza della Regione: “Scuole aperte, ma nessun obbligo di lezioni in presenza”

Da leggere

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato la nuova ordinanza relativa all’attività didattica scolastica in Puglia. A partire da sabato 7 novembre e fino al 3 dicembre compreso, “l’attività didattica si deve svolgere in applicazione del Dpcm 3
novembre 2020, salvo quanto previsto ai successivi punti 2 e 3;2.

L’ordinanza può essere riassunta in tre punti, pubblicati dallo stesso Emiliano sulla sua pagina Facebook.
1)Nessuno potrà essere obbligato ad andare a scuola in presenza e le eventuali assenze saranno giustificate.
2)Tutti avranno diritto a richiedere la didattica a distanza per tutelare la propria salute.
3)Le scuole dovranno dotarsi immediatamente della possibilità di fare didattica a distanza.
“Finalmente la verità da parte dei giudici sulle gravi difficoltà a tutelare la salute dei bambini pugliesi attraverso un efficiente sistema di didattica a distanza. I giudici del Tar di Bari – dice Emiliano – preso atto della “inadeguatezza del sistema scolastico pugliese ad attivare subito la dad”, sono costretti a mandare a scuola i nostri bambini più piccoli in presenza”.
“Mentre al contrario per i ragazzi delle superiori lo stesso Governo ha ammesso l’insicurezza della didattica in presenza, tanto da vietarla. Una drammatica contraddizione che ha messo in contrapposizione due sezioni dello stesso Tar Puglia visto che la sezione di Bari ha sospeso la mia ordinanza e quella di Lecce ne ha confermato la legittimità.
Un pasticcio perché non si è investito abbastanza sulla didattica a distanza che durante una pandemia avrebbe dovuto essere messa a punto già da tempo.
“E ciò indipendentemente dalla evidente preferenza da assegnare alla didattica in presenza. Infatti nessuno sostiene che la Dad sia paragonabile alla didattica in presenza, ci mancherebbe, ma solo con una buona Dad in caso di necessità si può realizzare un buon equilibrio tra salute e istruzione”.
“Adesso invece è così scarsa da costringere i giudici a mandare i bambini a scuola in presenza per non pregiudicare il loro diritto allo studio. Per tale motivo ho disposto, con ordinanza, che le scuole pugliesi si attrezzino immediatamente per effettuare la Dad per motivi di salute pubblica e consentano a tutte le famiglie che la richiedano di ottenerla.
Chi non può ottenerla per carenze organizzative della scuola, non puó essere obbligato ad andare a scuola in presenza”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche