11.9 C
Comune di Bari
venerdì 16 Aprile 2021
Home Attualità No alla violenza sulle donne, sul sito del Comune di Bari servizi...

No alla violenza sulle donne, sul sito del Comune di Bari servizi utili e luoghi della memoria: online dal 25 novembre

Da leggere

Sarà pubblicata domani, mercoledì 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sul sito istituzionale del Comune di Bari, la mappa “La violenza non è amore”, che riporta i luoghi della città dedicati alle vittime di femminicidio e i servizi offerti dal Comune, in rete con altri enti e associazioni, per contrastare la violenza sulle donne e promuovere percorsi di ascolto, presa in carico ed emancipazione delle vittime. La mappa riporta anche i numeri utili e gli indirizzi di tutti i punti d’interesse, fatta eccezione per la localizzazione delle due case rifugio che accolgono donne vittime di violenza, i cui indirizzi, naturalmente, devono restare sconosciuti.

“Vogliamo lasciare una traccia di ciò che è stato perché non accada mai più – spiega il sindaco Antonio Decaro -. Vogliamo che le vittime di femminicidio e le loro famiglie siano sempre parte di questa comunità perché la loro storia e il loro dolore possano aiutare tante altre donne a trovare la forza per denunciare qualsiasi forma di violenza o sopruso”.

“Non sei sola” è invece lo slogan scelto dalla Regione Puglia per il 25 novembre. La Regione ha fornito anche dei dati relativi al fenomeno ignobile della violenza sulle donne, che fanno riferimento agli accessi ai centri anti-violenza. E dopo il calo delle richieste di aiuto registrato a marzo, nel periodo del lockdown, rispetto a febbraio (-37% di accessi, -47% di prese in carico, -14% di allontanamenti di urgenza), nei mesi successivi è stato registrato un significativo cambio di passo con incrementi elevati, non solo rispetto a marzo ma anche ai mesi precedenti.

E se nel 2019 sono state 2.050 le donne che si sono rivolte a un centro anti-violenza, nei primi 8 mesi del 2020 sono stati 1.440 gli accessi e 892 i percorsi avviati, mentre sono 76 le donne messe in protezione con 73 minori. Mentre dai dati raccolti dall’osservatorio regionale dal 2014 al 2019, in cinque anni, emerge che sono state circa 10.000 le donne entrate in contatto con i centri anti-violenza.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!