11.1 C
Comune di Bari
giovedì 15 Aprile 2021
Home Attualità Qualità dell’aria in Puglia, monitoraggio Arpa sulle polveri sottili: il report del...

Qualità dell’aria in Puglia, monitoraggio Arpa sulle polveri sottili: il report del 2020 – SLIDE

Da leggere

Tra le attività delle Agenzie regionali per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente rientra il monitoraggio del Pm10 presente nell’aria attraverso l’utilizzo di stazioni fisse. In linea con quanto fatto anche dalle altre agenzie d’Italia, quindi, l’Arpa ha raccolto i dati e fatto il punto sulla presenza in Puglia, nel corso del 2020, di polveri sottili, e in particolare sul Pm10: fattore che vari studi epidemiologici hanno correlato con l’incremento di mortalità e di ricoveri per malattie cardio-polmonari.

Nello scorso anno, quindi, in Puglia le 52 stazioni che monitorano il Pm10 non hanno registrato il superamento del limite di legge (stabilito in 35 superamenti annui della soglia di 50 μg/m3), mentre il valore di riferimento per tutelare la salute umana raccomandato dall’Oms (3 superamenti in un anno), che è uno degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile contenuti nell’Agenda 2030 dell’Onu, è stato superato in 40 stazioni (77%), che rispetto alla totalità dei superamenti nazionali rappresenta il 10%. La stazione di monitoraggio Torchiarolo-Don Minzoni, come negli anni precedenti, è quella che ha registrato il maggior numero di superamenti (33).

“La situazione dei dati di Pm10 in Puglia nel 2020 – spiega Vito Bruno, direttore generale di Arpa Puglia – conferma il trend positivo degli ultimi tre anni, in termini di rispetto dei limiti di legge nazionale. Da un punto di vista dei valori di riferimento dell’Oms, invece, si riscontra un trend pressoché stazionario nell’ultimo triennio, con un dato, relativo al 2020, di 40 stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria che hanno superato il valore di riferimento. Il miglioramento della qualità dell’aria, in media, nel 2020 è il frutto del combinato disposto di controlli più numerosi, innovazione tecnologica nelle attività produttive, ed una maggiore sensibilità per la tutela ambientale che ci auguriamo continui a crescere tra cittadini e operatori economici”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche