17.3 C
Comune di Bari
sabato 10 Aprile 2021
Home Attualità Acquaviva, ospedale Miulli: tumore del pancreas non operabile trattato con elettroporazione irreversibile

Acquaviva, ospedale Miulli: tumore del pancreas non operabile trattato con elettroporazione irreversibile

Da leggere

Una paziente di 72 anni, affetta da un tumore del pancreas non operabile, è stata trattata con successo all’ospedale Miulli di Acquaviva con elettroporazione irreversibile: una moderna tecnica mininvasiva eseguita sotto guida TAC. La paziente aveva scoperto la patologia alcuni mesi addietro e, dopo diverse valutazioni in altri centri, il tumore era stato giudicato non asportabile chirurgicamente per la presenza di patologie concomitanti. Il team multidisciplinare del Miulli ha però effettuato una valutazione differente.

“L’elettroporazione irreversibile ha la particolarità di poter essere effettuata sotto guida TAC, senza alcun taglio cutaneo, e si basa sull’introduzione di due o più aghi sottili all’interno del tumore pancreatico – spiegano dall’ospedale -. Tali aghi, attivati da un generatore, emettono impulsi elettrici che distruggono preferenzialmente le cellule del tumore, risparmiando strutture importanti come vasi e dotti”.

La procedura, che è stata eseguita dall’Equipe di Radiologia Interventistica diretta dal dottor Riccardo Inchingolo con l’ausilio anestesiologico del dottor Vito Del Monte, è durata circa 90 minuti. La paziente è stata dimessa dopo sole 48 ore dall’intervento ed è ora in ottime condizioni generali. “Quando oramai tutti mi dicevano che non era possibile fare nulla – spiega la paziente – i medici del Miulli mi hanno dato una speranza di cura. Se oggi sto bene, lo devo a loro”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche