11.6 C
Comune di Bari
giovedì 15 Aprile 2021
Home Attualità Insulta Decaro e poi si scusa dopo la minaccia di querela, il...

Insulta Decaro e poi si scusa dopo la minaccia di querela, il sindaco: “La tastiera non ci rende più forti”

Da leggere

“Non sarà una tastiera a renderci più forti o a darci ragione”. Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il sindaco di Bari, Antonio Decaro, pubblicando le scuse inviate da una cittadina che qualche giorno fa lo aveva insultato e accusato di essere coinvolto in una fantomatica compravendita di voti.

A quelle accuse Decaro aveva promesso querela, ma davanti al messaggio di “umili scuse” ha fatto sapere di non procedere con la denuncia.

“Nonostante le mie spalle larghe – scrive Decaro su Facebook – sono pur sempre un uomo, e certe cose, credetemi, feriscono nel profondo. Mi è successo qualche giorno fa con una signora che me ne ha dette di tutti i colori, compresi insulti e allusioni a un ipotetico mio coinvolgimento in una compravendita di voti. A quel punto ho annunciato alla signora in questione l’intenzione di querelarla per quanto scritto. In privato la signora mi ha chiesto scusa, adducendo come giustificazione di quel comportamento un momento di difficoltà personale”.

“Non andrò avanti con la querela – prosegue – ma vorrei che la signora e tutti gli altri cittadini che si sentono liberi di scrivere le peggiori offese su un social network si fermassero a pensare a cosa succede nella vita di chi riceve quegli insulti. A volte ci sono situazioni di fragilità, adolescenti, famiglie che ne soffrono”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche