11.6 C
Comune di Bari
sabato 10 Aprile 2021
Home Attualità Bari, malato di Sla chiede l'eutanasia e nomina esecutore Emiliano: "Sono stanco"

Bari, malato di Sla chiede l’eutanasia e nomina esecutore Emiliano: “Sono stanco”

Da leggere

“Sono stanco, non mi piace più vivere in questo modo. È diventata un’agonia. Tolgo il disturbo”. È il grido di dolore di Pasquale Tuccino Centrone, noto ristoratore di Polignano a Mare che da 13 anni combatte contro la Sla (da 9 è in ventilazione assistita), una terribile malattia neurodegenerativa progressiva.

Lo fa attraverso un post sulla sua pagina Facebook, “nominando il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco, esecutori della mia volontà – scrive Tuccino -. Merito la pace attraverso l’eutanasia, come fece dj Fabo con Marco Cappato”.

Una disperata richiesta di aiuto, causata dal peggioramento della malattia ma anche – a suo dire – dal un tipo di assistenza “occasionale” che gli verrebbe fornita e che “non serve a nulla”. Al contrario, Pasquale spiega di avere “bisogno di un’assistenza stabile e duratura”. “Non voglio dare impegni alla mia famiglia – continua ancora nel messaggio – e più di una persona che mi assiste non me la posso permettere. Accettate la mia volontà – conclude -, vi prego, non è una resa”.

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, Filippo Anelli, è subito intervenuto per chiedere alla Regione di fornire a Tuccino e agli altri pazienti cronici “un supporto professionale adeguato. Un Paese civile si misura – dice Anelli – anche e soprattutto sui servizi che riesce ad assicurare alle persone più fragili”. Finora – conclude – gli appelli di Tuccino “sono valsi a poco: in cambio, ha ricevuto la visita di medici e infermieri per “prestazioni occasionali” di meno di un’ora. Tanto che, ieri, ha invocato l’eutanasia, nominando Lopalco ed Emiliano esecutori delle sue volontà”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche