16.2 C
Comune di Bari
mercoledì 19 Maggio 2021
Home Attualità Covid, Lopalco: “In Puglia va tutto male? Non è vero. Limitare le...

Covid, Lopalco: “In Puglia va tutto male? Non è vero. Limitare le critiche a quelle costruttive”

Notizie da leggere

“La pandemia è una tragedia mondiale. Ma quando si soffre esiste un meccanismo (che tenderei a definire “effetto erba del vicino”) che tende a farci credere che da noi si soffre di più degli altri. E quindi sembra che in Italia si stia peggio che in Germania o che in Inghilterra sia tutto passato. Poi andiamo a leggere meglio la realtà e vediamo che l’ondata pandemica ha colpito questi Paesi esattamente come il nostro e che i sacrifici fatti dagli altri sono esattamente pesanti come i nostri. Lo stesso meccanismo, ahimè, nel confronto fra regioni”. Inizia così un lungo post pubblicato nel pomeriggio di oggi dall’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco.

“I commenti ai miei post sono pieni di critiche su come la Puglia sia ultima di qui e ultima di là – prosegue l’assessore -. Sia ben chiaro, le critiche sono sempre le benvenute (gli insulti li cancello e gli stalker seriali li banno) ma è anche bene cercare di ristabilire una realtà basata sui fatti. La pandemia ha colpito la nostra Regione come la media delle regioni italiane – scrive -. La percezione che sia stata colpita di più di altre è perché le ondate pandemiche sono partite in ritardo e quindi si chiudono in ritardo, quindi mentre altrove la situazione migliora da noi ancora lo stress è elevato. Ma sembra le cose vadano peggio anche e semplicemente perché non abbiamo termini di paragone basati sulla realtà ma solo sulla percezione”.

Lopalco, quindi, pubblica un grafico e lo commenta. “Un dato molto stabile per valutare l’impatto della pandemia è il numero di persone in terapia intensiva – sostiene l’assessore -. È un numero semplice da calcolare e non è influenzato dalla quantità di tamponi positivi che si fanno. Il grafico che vi mostro indica che la Puglia (giallo) ha avuto un tasso di ricoveri in terapia intensiva inferiore alla media italiana fino alla terza ondata e pari alla media durante quest’ultima ondata. In questi giorni siamo sopra la media italiana perché questa media è molto influenzata dalle grandi regioni del Nord dove, come dicevo, l’ondata è arrivata prima e si è fermata prima”.

“Spero di non offendere il sindacato o l’Ordine dei commentatori su Facebook se dico di limitare le critiche a quelle costruttive e di leggere bene quello che succede altrove prima di dire che in Puglia va tutto male – conclude, sarcastico nei confronti dei detrattori social, Lopalco -. I dati che vi mostro sono di pubblico dominio e chiunque può divertirsi a giocare con i dati sulla dashboard MADE della Associazione Italiana di Epidemiologia”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche