26.6 C
Comune di Bari
domenica 26 Settembre 2021
Home Attualità Puglia, Pronto Soccorso in affanno: l’intersindacale medica boccia l’ordinanza Emiliano

Puglia, Pronto Soccorso in affanno: l’intersindacale medica boccia l’ordinanza Emiliano

Notizie da leggere

L’intersindacale medica della Puglia – composta da Cgil medici, Smi, Snami, Simet e Ugs – critica l’ordinanza firmata ieri sera dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, per potenziare i Pronto Soccorso. “L’ordinanza – scrivono i sindacati – mette in evidenza l’incapacità di dare risposte ai problemi se non in chiave emergenziale”. Il provvedimento prevede la possibilità per i direttori generali delle Asl e degli ospedali di reclutare medici di medicina generale e anche pensionati per andare a potenziare i Pronto Soccorso, in difficoltà per il sovraccarico di pazienti.

“Da decenni – prosegue l’intersindacale – i sindacati e gli Ordini dei medici lanciavano l’allarme sulla preoccupante riduzione del numero dei medici, sulla sciagurata scelta della chiusura degli ospedali e sul blocco del turn over per cui non sono stati sostituiti i tanti medici andati in quiescenza. In questi anni si è pensato di assumere solo tanto personale non medico. Da tempo abbiamo segnalato ad esempio il collasso del servizio di Emergenza-Urgenza 118, la pessima gestione delle liste d’attesa. Sempre inascoltati”.

“Ora – criticano i sindacati – arriva una ordinanza che ha il sapore più di una soluzione per pararsi da responsabilità legali e soprattutto etiche vista la rilevanza dell’emergenza. La soluzione? Coinvolgere i medici di medicina generale. I super medici chiamati a supplire la carenza di organico dei dipartimenti di Prevenzione nell’emergenza pandemica, le carenze di organico nei pronto soccorso insomma la toppa da mettere su qualsiasi falla. Basta, non se ne può più del pressapochismo e della improvvisazione”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche