26.6 C
Comune di Bari
domenica 26 Settembre 2021
Home Attualità Bari, presunto abusivismo edilizio? I tempi biblici della burocrazia - VIDEO

Bari, presunto abusivismo edilizio? I tempi biblici della burocrazia – VIDEO

Notizie da leggere

Dalla ripartizione urbanistica ci consigliano di presentare un esposto via PEC alla polizia edilizia. Peccato che la segnalazione sia stata inoltrata più di un mese fa. Sono i tempi della burocrazia barese: se un cittadino ritiene – questo il caso specifico – di essere stato danneggiato da una costruzione presumibilmente abusiva, farà prima a mettersi l’anima in pace, perché l’impresa più ardua sarà in effetti ottenere risposte dall’amministrazione.

Il caso specifico: siamo al confine tra due proprietà private, nella fascia compresa tra via Tenente Ruffo, nella zona Pip di Santa Caterina, e via Bitritto, a due passi dalla tangenziale. A separare le due aree i binari delle Fal che – come evidenziano le immagini – diventano naturale limite di espansione, vista anche la presenza della fascia di rispetto ferroviaria dovuta in questi casi, e la cui ratio risiede nell’esigenza di tutelare la sicurezza dell’esercizio ferroviario, appunto.

Un mese fa, però, la sorpresa: un improvviso ampliamento dell’azienda con sede in via Tenente Ruffo ha completamente occupato la famosa fascia, con un riempimento del suolo a occhio nudo pericoloso e poco efficace e che si presta a sversamenti di pietre e calcinacci sul suolo attiguo.

Da qui le domande oggetto di segnalazione: il capannone di recente costruzione è legittimamente autorizzato? Si è proceduto con una deroga alla preclusa edificazione nelle zone di rispetto ferroviario? E se sì, con quale motivazione? Il vincolo di rispetto ferroviario, lo ricordiamo, è sempre stato considerato come vincolo di inedificabilità assoluta. Ci auguriamo di ottenere risposte.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche