11 C
Comune di Bari
domenica 16 Gennaio 2022
HomeAttualitàBari o Kabul? Provocazione social di un cittadino: “La mia battaglia contro...

Bari o Kabul? Provocazione social di un cittadino: “La mia battaglia contro il degrado” – FOTO

Notizie da leggere

Lo slogan è volutamente provocatorio. “Bari o Kabul?”, si chiede Nicola Brescia, postando le foto degli immobili abbandonati e degli angoli di degrado ‘cronico’ di Bari. Lo storico presidente del comitato cittadino Fibronit trasforma il suo profilo Facebook nella vetrina dello scandalo. Con una domanda ricorrente: “si tratta di Bari o Kabul?”, è il quesito di Nicola, residente a Japigia ma cresciuto a Mungivacca, che incassa una pioggia di commenti che condividono lo sdegno.

Impossibile d’altronde restare indifferenti di fronte alle fotografie dell’ex supermercato De Sandi di Japigia. “Sino a qualche settimana fa in questi spazi viveva, purtroppo, un senza fissa dimora – racconta Nicola – Un incendio ha distrutto la sua inimmaginabile abitazione, e quello che vedete ora è ciò che resta. Ovviamente tutto è rimasto così com’è. E vabbè, del resto a Kabul è quasi ovunque così”. L’immobile abbandonato e ripetutamente vandalizzato si trova a pochi passi dalla scuola media Amedeo d’Aosta, frequentata da ragazzini di Japigia e Madonnella. “È pericoloso”, denuncia Nicola Brescia, che passeggiando per le strade della città continua a documentare gli obbrobri e segnalare i rischi dei mancati interventi delle istituzioni.

Il tour prosegue a Mungivacca, con le immagini dei palazzoni nati per ospitare residenze di studenti universitari a ridosso di via Amendola, e rimasti incompiuti, coi lavori fermi da anni. “Queste sono le immagini in cui si imbatte chi arriva nella nostra città dalla tangenziale o dalla statale 100 – dice Nicola – Immagini che contrastano con la nuova via Amendola, le sue rotatorie fiorite, gli spartitraffico appena realizzati. Io sono cresciuto in questo quartiere e mi addolora constatare lo stato di abbandono e degrado che si prova quando ci si trova davanti a questi scempi”. Rilanciando le proteste dei residenti di Mungivacca, Nicola tuona contro il “muro di cemento e impalcature ricoperte da teli ormai grigi e laceri, e tutto intorno erbacce e rifiuti che non fanno onore a un quartiere che si è sempre distinto per la cura dei suoi spazi”.

E ancora, gli scatti dei rifiuti ingombranti, scaricati a Mungivacca probabilmente dai Comuni che intorno a Bari hanno la raccolta differenziata porta a porta. “Non possiamo abituarci a questi orrori – è l’appello di Nicola, da sempre impegnato in prima linea nelle battaglie per l’ambiente e contro l’inquinamento – Dobbiamo continuare a segnalare quanto di brutto resiste in questa città, per continuare a migliorarla”.

Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Impossibile copiare il testo!