14.7 C
Comune di Bari
domenica 17 Ottobre 2021
Home Attualità Bari, ecco come sarà l'Accademia delle Belle Arti: approvati i lavori nell'ex...

Bari, ecco come sarà l’Accademia delle Belle Arti: approvati i lavori nell’ex Caserma Rossani – FOTO

Notizie da leggere

La nuova Accademia delle Belle Arti che sorgerà all’interno dell’ex Caserma Rossani dovrà garantire modalità di accesso differenziate ai diversi ambienti ‐ didattici, amministrativi, laboratoriali ‐ per consentire la massima integrazione tra gli spazi e le attività.

La giunta comunale ha approvato il progetto preliminare relativo ai lavori di realizzazione dell’Accademia partendo dalla necessità di soddisfare le esigenze funzionali di quest’ultima.  La sede dell’Accademia delle Belle Arti sarà dislocata in tre edifici differenti ‐ i Corpi D, E e H, ‐ all’interno dei quali sono stati individuati e collocati gli spazi richiesti dall’Accademia, attraverso lo studio di fattibilità e la sua revisione, nel modo più razionale e coerente con le rispettive specificità architettoniche.

Si è cercato inoltre di costruire una forma di dialogo tra spazi interni ed esterni che consentisse di superare i limiti della separazione delle funzioni e di creare le condizioni per impiegare lo spazio pubblico come una vera e propria estensione degli ambienti interni.

L’intervento approvato è stato redatto dal gruppo di progettazione che si è aggiudicato il bando – capofila Isola Architetti srl di Torino (progettisti anche del museo egizio di Torino), ICS srl, MCM Ingegneria, Artuso Architetti associati, studio tecnico Carbonara Ingegneri associati, GeoAtlas srl, due professionisti e gli architetti Angela Martina e Mauro Berta.

“Abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti sul percorso della realizzazione della nuova sede dall’Accademia delle belle arti nella ex Caserma Rossani – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso – Tutti i dettagli di progetto sono stati condivisi con la Soprintendenza così da poter procedere più celermente all’approvazione dei vari livelli di progettazione. La soluzione progettuale proposta dal raggruppamento prevede un buon equilibrio tra spazi interni e spazi esterni in scia con gli interventi di riqualificazione già avviati dalle istituzioni pubbliche sul parco e sul nuovo Polo bibliotecario. Questo è un progetto che da una lato punta a completare il percorso di riqualificazione di uno dei siti dismessi più importanti presenti in città e dall’altro ha l’obiettivo di valorizzare la storia di un polo di formazione – ha concluso Galasso – quale è l’accademia delle belle arti di Bari, che da sempre qualifica l’offerta culturale della città e attrae studenti da tutta la Regione”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche