14.7 C
Comune di Bari
sabato 16 Ottobre 2021
Home Attualità Bari, orinatoio davanti al Vivante e ingresso (nuovo) chiuso da 2 anni:...

Bari, orinatoio davanti al Vivante e ingresso (nuovo) chiuso da 2 anni: la denuncia del prof

Notizie da leggere

Studenti e genitori non fanno fatica a definirlo “una cloaca a cielo aperto”: un angolo trasformato in orinatoio, proprio davanti all’ingresso della scuola. E ancora, il secondo accesso pronto da due anni, e mai aperto a causa di un contenzioso tra ditte, e tra imprese e Città metropolitana di Bari, con una gara da rifare e una scala (nuova) da smantellare. Infine, la richiesta di pedonalizzare (o semipedonalizzare) la stradina che accoglie i ragazzi, o in alternativa allargare il marciapiede sul modello di altri istituti baresi, come il liceo Scacchi e la media Carducci.

È preciso e dettagliato l’elenco delle richieste messe nero su bianco da Renato De Robertis, collaboratore del preside dell’istituto Vivante di Bari. La scuola denuncia di avere scritto ripetutamente a Comune, Amiu e Città metropolitana, per segnalare una serie di disagi legati allo stato della stradina davanti all’ingresso dello storico istituto di piazza Diaz.

Innanzitutto feci e urine intorno al collettore dell’Acquedotto pugliese: un angolo indecente, “con situazione di rischio igienico sanitario – denuncia il professor De Robertis – che rendono problematica la sosta dei nostri 400 studenti”. La scuola ha invocato più volte l’intervento dell’Amiu e dell’Aqp, ma urge una pulizia accurata e profonda.

Incredibile è, invece, la vicenda del secondo ingresso e della sua scala antincendio, pronti da due anni e mai aperti. “Cosa allucinante in piena pandemia Covid – lamenta il docente – in cui avremmo bisogno di differenziare e scaglionare l’accesso degli studenti”. La porta d’ingresso è stata realizzata con la scala da un’impresa, ma prima dell’inaugurazione dell’opera è partito un contenzioso. L’impresa – spiegano dalla Città metropolitana – ha affidato alcuni passaggi ad altre ditte non autorizzate, punto che potrebbe creare problemi nella certificazione della sicurezza della scala. Di mezzo ora c’è ora anche la curatela fallimentare – aggiungono dalla Città metropolitana – per un problema di recupero crediti tra ditte. Morale della favola: l’ente è bloccato tra i procedimenti giudiziari, e quasi certamente dovrà smantellare la scala (mai utilizzata) e costruirne un’altra con una nuova gara.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche