14 C
Comune di Bari
mercoledì 27 Ottobre 2021
Home Attualità Cade e scopre la leucemia, protesi all’anca dopo la chemio: 14enne operata...

Cade e scopre la leucemia, protesi all’anca dopo la chemio: 14enne operata con successo a Bari

Notizie da leggere

È stato eseguito nei giorni scorsi nel Policlinico di Bari un raro intervento di artroprotesi totale d’anca bilaterale su una paziente di 14 anni affetta da necrosi di entrambe le teste femorali provocata da una lunga chemioterapia necessaria perché affetta da leucemia. L’intervento è stato eseguito nel reparto di Ortopedia diretto Biagio Moretti.

La ragazza, di origine marocchine, era arrivata al Policlinico di Bari un anno e mezzo fa ed era stata assistita dopo essere caduta mentre si trovava in vacanza in Italia, a bordo di una nave da crociera che aveva attraccato nel porto del capoluogo pugliese. In ospedale, quindi, la diagnosi di leucemia seguita da una terapia durata circa 18 mesi. Fondamentale, in questa fase, anche l’apporto fornito dall’associazione ‘Una stanza per un sorriso’, onlus di Altamura.

Durante la degenza la giovane paziente, che da grande sogna di fare il medico, è stata seguita anche nel suo percorso scolastico: ha potuto seguire lezioni di lingua e ha imparato a parlare l’italiano.

“L’intervento di protesi di anca – spiega Moretti – è solitamente realizzato in età adulta per patologie degenerative o post-traumatiche dell’articolazione. In questo caso, abbiamo dovuto eseguire la sostituzione dell’anca in età adolescenziale a causa di una assoluta ed irreversibile compromissione delle teste femorali che costringeva la giovane paziente su sedia a rotelle, conseguente agli esiti di una chemioterapia salvavita effettuata per una grave malattia neoplastica del sangue”.

“Il destino ha voluto che venissimo in Italia – racconta il padre della giovane paziente, Mohamed Selami – eravamo di passaggio in crociera quando mia figlia è caduta e la storia è iniziata così. Prima la leucemia e dopo l’osteonecrosi”.

“Questo è un intervento molto raro perché sono pochissimi i casi descritti nella letteratura scientifica internazionale di artroprotesi di anca impiantate in adolescenti under 17 anni”, spiega Giuseppe Solarino, che ha eseguito gli interventi in equipe con Moretti.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche