12.3 C
Comune di Bari
giovedì 9 Dicembre 2021
Home Attualità Dalla scuola all’arte, opere in vetrina della preside Patrizia Rossini: "L'arte in...

Dalla scuola all’arte, opere in vetrina della preside Patrizia Rossini: “L’arte in chiave contemporanea”

Notizie da leggere

Arte e insegnamento hanno come presupposto la creatività. Un ingrediente fondamentale per il successo del progetto “Opere in vetrina” di Dirò. Patrizia Rossini, dirigente scolastica della scuola Japigia 1-Verga di Bari, assieme a Vincenzo Di Cillo ha voluto dare nuova vita al rame, lavorandolo per renderlo fruibile al pubblico attraverso le vetrine dei negozi. Un progetto innovativo, “un modo diverso di esporre l’arte – sottolinea Rossini – in un periodo in cui la pandemia non ci ha permesso di farlo normalmente. Le vetrine dei negozi ci permettono di far fruire della nostra arte in maniera contemporanea”.

Attraverso il lavoro a quattro mani, Patrizia e Vincenzo hanno scelto di modellare il rame trattandolo in tutte le maniere, con o senza agenti chimici, perché è un metallo in evoluzione continua, è il simbolo dell’amore, dell’equilibrio, della bellezza femminile e della creatività artistica. Una scelta che arriva dalle “nostre riflessioni sulla vita – continua la preside – arrivate dopo tanti anni di lavoro”.

Dopo aver esposto al Museo Civico di Bari, al Bibart e oggi in contemporanea alla Biennale della Murgia, le opere di Dirò trovano spazi alternativi che le mettono anche a disposizione dei giovani i quali, camminando per strada, possono ammirare contemporaneamente capi d’abbigliamento e opere d’arte. Ma quello di Dirò è solo l’inizio. Il prossimo passo, oltre alla ricerca di nuove location in occasione del Natale, è quello di creare un progetto che possa integrare ogni forma di arte, accompagnando l’opera con il canto, la musica, la recitazione e la danza: “un unico spettacolo – conclude Rossini – su tutte le arti”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

error: Contenuti protetti