13.5 C
Comune di Bari
giovedì 9 Dicembre 2021
Home Attualità Monopoli, ecco SIPI: Società Italiana di Pneumologia Interdisciplinare. Prima del genere in...

Monopoli, ecco SIPI: Società Italiana di Pneumologia Interdisciplinare. Prima del genere in Italia

Notizie da leggere

È stata costituita a Monopoli, in Puglia, la prima società scientifica interdisciplinare d’Italia. Si chiama SIPI, Società Italiana di Pneumologia Interdisciplinare, costituita da pneumologi di tutta Italia e da numerose società scientifiche: CRel (Collegio Reumatologi Italiani), CARD (Conferenza delle Associazioni di Distretto), FIMeG (Federazione Italiana Medicina Geriatrica), ITACARE P (Italian Alliance fot Cardiovascular rehabilitation and prevention), SIBOS (Società Italiana di Ortodonzia Segmentata), SIO (Società Italiana di Otorinolaringoiatria, Società Italiana di Psichiatria, SIT (Società Italiana Rinologia), SIMMED (Società Italiana di Simulazione in Medicina, SIT (Società Italiana di Telemedicina) e SUMAI (Sindacato Unico Medici Ambulatoriali Italiani).

La costituzione ufficiale è avvenuta davanti ad un notaio nella location Torre Cintola, a margine del congresso “Futuro pneumologico” presieduto dai dottori Paride Morlino, direttore del reparto di pneumologia dell’ospedale di San Severo, e Pietro Visaggi, consulente pneumologo dell’Istituto Maugeri di Bari.

“Le malattie respiratorie vanno necessariamente affrontate con un approccio multidisciplinare – sottolinea il dottor Visaggi -. La pneumologia tocca tutte le altre specialità ed è per questo che abbiamo fortemente voluto coinvolgere altre società scientifiche in questo nuovo progetto. E devo dire che abbiamo riscontrato un grandissimo interesse verso questa iniziativa innovativa. Abbiamo coinvolto in primis i farmacisti e i medici di base, che peraltro sono i primi ad intercettare i pazienti broncopatici o con gravi disturbi respiratori. Per noi è fondamentale il contatto e l’interscambio con il territorio, abbiamo bisogno di interfacciarci con tutte le strutture, che possano aiutarci a valutare i pazienti a 360 gradi, in un quadro di comorbidità. Anche perché spessissimo nei pazienti pneumologici coesistono più patologie”.

“La società è il frutto di un’evoluzione storica di fusione a freddo con altre società – spiega Mario Del Donno, direttore di pneumologia dell’azienda ospedaliera San Pio di Benevento -. Rimanere nell’ambito pneumologico non fornisce la giusta visione di quello che sta succedendo nel mondo. Abbiamo bisogno di interagire e interloquire di più con tutte le branche specialistiche, indispensabili a quella che è la vera gestione del paziente. Noi dobbiamo mettere il paziente al centro della priorità del sistema nazionale”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

error: Contenuti protetti